A- A+
Cronache

 

MINORITY REPORTNella foto una scena di Minority Report

Proprio come in un film con una semplice analisi, una risonanza magnetica, si potrebbe scoprire chi diventerà un criminale. Sembra fantascienza ma potrebbe presto essere realtà. Lo dimostra uno studio pubblicato su Pnas.

 La ricerca è stata condotta all’istituto no profit Mind Resarch Network di Albuquerque, (Nuovo Messico, Usa) su 96 detenuti che stavano per essere rilasciati. Con le risonanze magnetiche i ricercatori hanno registrato l’attività neuronale dei carcerati in un’area del cervello fondamentale per prendere decisioni e reprimere i gesti impulsivi: la corteccia cingolata anteriore (sulla fronte).

Esaminando l’attività di questo circuito neurale mentre i detenuti prendevano delle decisioni o reprimevano delle reazioni impulsive, i ricercatori hanno notato che ci sono delle nette differenze nei profili di attivazione della corteccia che corrispondono alla condotta che i detenuti tengono una volta liberi. Quelli che commetteranno un nuovo reato presentano una attività ridotta nella corteccia cingolata

Tags:
risonanza magneticareatiscoperta
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.