A- A+
Cronache
boston sospettati (2)

Boston: Cnn, gli attentatori hanno agito da soli - In base alle prime indicazioni raccolte i due fratelli Tsarnaev avrebbero agito da soli. Lo ha riferito alla Cnn Edward Deveau, capo della polizia di Watertown, dove vivevano Dzhokar e Tamerla Tsarnaev.

LA CATTURA - Uno dei responsabili degli attentati alla maratona di Boston è morto dopo il ferimento in uno scontro a fuoco con la polizia nella cittadina di Watertown, a pochi chilometri dalla città. L'altro è stato arrestato nella notte. E' ferito ed è stato ricoverato in ospedale. Si è conclusa la caccia all'uomo durata più di 24 ore che ha tenuto con il fiato sospeso l'America.

OBAMA, CHIUSO CAPITOLO IMPORTANTE MA RESTANO DOMANDE - "Abbiamo chiuso un importante capitolo in questa tragedia ma chiaramente mancano ancora risposte a tante domande": cosi' il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ieri notta alla Casa Bianca dopo l'annuncio della cattura del secondo presunto attentatore della maratona di Boston, il 19enne Dzhokhar Tsarnaev. Obama ha sottolineato l'importanza di andare avanti con l'inchiesta per sciogliere i tanti interrogativi ancora aperti. "Per quale motivo due giovani che sono cresciuti e hanno studiato negli Usa, integrati nella nostra comunita' e nel nostro Paese - ha detto Obama- sono arrivati a tanta violenza? Come hanno pianificato e portato avanti questi attacchi? Hanno ricevuto aiuti? Le famiglie di coloro che sono stati uccisi senza una ragione hanno diritto ad avere queste risposte". Il presidente ha assicurato che si andra' fino in fondo verificando anche ogni possibile legame dei due ceceni con con organizzazioni terroristiche. Tamerlan Tsarnaev, il fratello maggiore rimasto ucciso, era stato interrogato dall'FBI nel 2011 per verificare eventuali legami con terroristi su richiesta di un Paese straniero, presumibilmente la Russia, ma allora non era stata riscontrata alcuna attivita' sospetta. "Continueremo a fare cio' che dobbiamo fare per tenere al sicuro la nostra gente", ha tenuto a precisare Obama che ieri ha parlato anche con il presidente russo Vladimir Putin, ringraziandolo per la cooperazione nella lotta al terrorismo anche sull'onda dell'attentato alla maratona di Boston. "Oggi la nostra nazione e' in debito con Boston e con il Massachusetts - ha detto il presidente - le forze dell'ordine hanno risposto con coraggio e professionalita'. Il coordinamento tra le forze federali e locali e' stato cruciale: hanno tutti lavorato come una squadra". Obama ha poi ricordato le vittime degli attentati e il poliziotto ucciso al Mit dai due fratelli ceceni.

I due terroristi sono due fratelli ceceni: si tratta di Tamerlan Tsarnaev di 26 anni, rimasto ucciso, e Dzhokhar A. Tsarnaev, di 19 anni, tutt'ora in fuga. Lo confermano fonti della sicurezza interna. Il ricercato, Dzhokhar, è uno studente della Cambridge Ringe and Latin school e si professa islamico, secondo quanto si legge nel suo profilo su Vkontakte, il "Facebook russo". Entrambi erano negli Stati Uniti con un regolare permesso di soggiorno. Sono queste le ultime svolte dopo una notte folle di sparatorie e inseguimenti nella periferia di Boston, a soli quattro giorni dall'attentato della maratona che ha rigettato gli Stati Uniti nel terrore a 12 anni dall'11 settembre. Le autorità stanno battendo l'intera cittadina di Watertown casa per casa, alla ricerca del secondo terrorista. Hanno chiesto agli abitanti di essere prudenti, di non aprire la porta a nessuno e di rimanere nelle proprie abitazioni. La polizia si è anche raccomandata con gli automobilisti che si stanno mettendo in viaggio nella zona di non dare il passaggio a nessuno. L'uomo sarebbe in fuga a bordo di un Suv, diretto verso Ovest. Con sè potrebbe avere esplosivi.

La notte di terrore e' cominciata intorno alle 22:30, nel campus a Cambridge del Massachussets Institute of Technology, circa cinque ore dopo la diffusione delle prime foto dei due sospettati di aver collocato le bombe alla maratona, due giovani uomini. Una guardia di sicurezza, chiamata -sembra- per tafferugli, e' rimasta uccisa in uno scontro a fuoco ed e' morto poco dopo in ospedale. Due ragazzi sono fuggiti a bordo di una vettura rubata, una Mercedes sportiva nera. Un paio d'ore piu' tardi polizia e agenti federali rincorrevano l'auto rubata a una decina di chilometri di distanza, a Watertown.

Poliziotti e agenti federali, ma anche gli uomini dello Swat, sono scesi in forze nel sobborgo alla periferia della citta': i due giovani, armati di pistole ed esplosivi, hanno ingaggiato un violento scontro con gli agenti. Gli abitanti della zona hanno riferito anche di forti detonazioni. Quel che e' successo dopo e' meno chiaro: alcuni media hanno raccontato di un uomo sdraiato a terra e circondato dagli agenti. Secondo la Cnn, la polizia ha intimato a uno dei sospettati di scendere dall'auto e di spogliarsi completamente nudo e lo ha fatto infilare in un'auto di pattuglia; gli agenti si sono avvicinati alla macchina e la polizia ha ordinato di nuovo al sospetto di uscire dall'auto; lo hanno interrogato sul marciapiede e poi, con le mani legate, lo hanno portato in un'altra auto della polizia. Secondo la polizia, l'uomo e' morto successivamente, in ospedale. L'operazione nel sobborgo di Boston e' ancora in corso e la polizia ha ordinato agli abitanti del quartiere di rimanere serrati dentro le case e non aprire a meno che non ad agenti chiaramente riconoscibili. Il sobborgo continua ad essere assediato da un imponente schieramento di forze sicurezza. La polizia per ora non ha rivelato l'identita' dei due sospettati dell'attentato, ma e' convinta che siano gli stessi che lunedi' hanno piazzato le due bombe, che hanno fatto tre morti, tra cui un bimbo di 8 anni. 

 

strage bosnton 5

Guarda la gallery

Quella indirizzata ad Obama e' stata bloccata in un ufficio di corrispondenza distante dalla casa Bianca, quelle spedite ai senatori Richard Wicker e Richard Shelby sono state intercettate negli uffici del Congresso. Quelle inviate a Karl Levin e a Jeff Flake sono state recapitate negli uffici dei due senatori. I test preliminari sulle lettere spedite ad Obama e a Wicker hanno confermato la presenza di ricina. La polizia del Congresso ha fatto evacuare l'Hart ed il Russel Building, sedi di alcuni uffici del Senato sul Campidoglio, dopo il ritrovamento delle due buste sospette. Un uomo e' stato fermato e interrogato dopo il ritrovamento di altre lettere sospette nel suo zaino. Ma si e' poi accertato che si trattava di uno squilibrato.   

SPECULATORI METTONO IN VENDITA LE MEDAGLIE ONLINE - Non hanno perso tempo gli speculatori: appena se le sono procurate, hanno messo in vendita su Ebay, il celebre sito di aste online, le medaglie della maratona di Boston finita nel sangue a causa di un attentato. È il quotidiano Boston Globe a raccontare la vicenda, documentando che già mercoledì pomeriggio c'erano cinque aste attive sul sito di vendita online, con offerte comprese tra i 162,50 e i 306 dollari.dell'azienda che le ha prodotte ha definito senza mezzi termini “disgustosa, orribile” la scelta di alcune persone di ottenere un profitto dalla tragedia che ha commosso gli Stati Uniti. “Non conosco nessun runner che lo farebbe” ha aggiunto.

Tags:
bostonomicidiomit
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.