A- A+
Cronache

La protezione derivante dal vaccino della pertosse potrebbe attenuarsi qualche anno prima che i bambini ricevano l'ultimo richiamo raccomandato. Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista Pediatrics, secondo cui la formulazione che ha sostituito quella tradizionale negli anni '90 ha si' meno effetti collaterali ma e' anche piu' 'debole'.

I ricercatori del Southern California Permanente Medical Group in Pasadena hanno studiato le cartelle cliniche di 400mila bambini di Minnesota e Oregon, tutti nati tra il 1998 e il 2003 e tutti con la serie di vaccini raccomandata, l'ultima delle quali e' data tra i quattro e i sei anni prima del 'boost' a 12 raccomandato dal Cdc ma facoltativo. Lo studio ha trovato pero' che mentre nel primo anno dopo la dose in eta' prescolare il numero di casi tra i vaccinati e' 18 ogni 100mila, intorno ai dieci anni sale a 138: "Se si tornasse al vaccino precedente, almeno per le prime dosi - scrivono gli autori - ci sarebbe una maggiore protezione, e gli effetti collaterali, anche se maggiori, non sarebbero preoccupanti".

Tags:
vaccinopertossesalute
in evidenza
Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

Calcio e tv... bollente

Carolina Stramare va in gol
L'ex Miss Italia sfida Diletta

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid

Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.