A- A+
Cronache
L'ultimo colpo di Vallanzasca: furto di mutande. Lo beccano e lui minimizza

Nessuna risposta sprezzante, niente frasi a effetto, un tentativo di minimizzare l'accaduto: avrebbe reagito cosi', secondo quanto appreso dagli inquirenti, Renato Vallanzasca, colto venerdì sera dalla sicurezza del supermercato Esselunga di viale Umbria, mentre occultava alcune paia di mutande e un paio di cesoie da giardinaggio nella spesa. Il 'Bel Rene'', la leggenda della "ligéra", la vecchia mala milanese, si trovava in semiliberta', ed e' stato arrestato dalla radiomobile dei carabinieri per furto aggravato.

Vallanzasca: sempre un supermercato gli fu 'galeotto' - Per Renato Vallanzasca autore a partire dagli anni settanta di numerosi sequestri e condannato, complessivamente, a quattro ergastoli e 295 anni di reclusione, e' sempre il supermercato ad essere 'galeotto'. Le cronache riportano, infatti, che la sua prima interruzione nell'ascesa della carriera criminale de 'il bel Rene'' avvenne nel 1972 dopo una rapina ad un supermercato. Allora ad arrestarlo furono gli uomini della squadra mobile di Milano, diretta da Achille Serra. Ieri sera l'ultimo furto, sempre in un supermercato milanese e per questo nuovamente arrestato.

Ma la sua 'carriera' inzia gia' dalla giovane infanzia. La sua 'biografia' racconta infatti che, a soli otto anni, con un compagno cerca di far uscire da una gabbia la tigre di un circo che aveva piantato il tendone proprio nelle vicinanze di casa sua. Il giorno successivo Vallanzasca viene prelevato dalla polizia e portato al carcere minorile Beccaria. Ben presto, diventa protagonista delle cronache, del tempo con la Banda della Comasina che a quei tempi si contrapponeva alla gang di Francis Turatello. In poco tempo, grazie ai furti e alle rapine, Vallanzasca accumula ingenti ricchezze e inizia a condurre e ad ostentare un tenore di vita molto sfarzoso Il suo 'curriculum' carcerario passa inizialmente per San Vittore, rendendosi responsabile di vari tentativi d'evasione falliti, risse e pestaggi. Per questo cambia 36 penitenziari. Ma alla fine riesce a evadere. Dopo la fuga, durante la sua latitanza, Vallanzasca riesce a ricostituire la sua banda. Con essa mette a segno una settantina di rapine a mano armata che lasciano dietro di se' anche una lunga scia di omicidi. L'evoluzione della gang e' segnata dal periodo dei sequestri di persona

Dopo l'ennesima fuga, dopo uno scontro a fuoco, in cui persero la vita 2 poliziotti, Vallanzasca riesce a scappare e trova rifugio a Roma, ma dopo pochi giorni, viene rintracciato e catturato. Tutto cio' quando ancora non ha compiuto 27 anni. Tornato in carcere, decide di sposarsi con una delle tante ammiratrici che gli scrivono. Come suo testimone di nozze, Albert Bergamelli del clan dei Marsigliesi e come 'compare di anelli' l'ex arcinemico Francis Turatello. Nel 1980, Vallanzasca si rende protagonista di un nuovo tentativo di evasione dal carcere milanese di San Vittore. Ma nella fuga, quando ormai era per le strade della citta', Vallanzasca viene ferito e catturato. E' il 1981 quando nella prigione di Novara, si rende protagonista di un'ennesima rivolta carceraria durante vennero uccisi alcuni collaboratori di giustizia. Vallanzasca fu in questa occasione protagonista della barbara uccisone di un ex componente della sua banda. Scatta per lui il regime di carcere duro. Riesce pero' ad evadere nuovamente nel 1987, scappando rocambolescamente attraverso un oblo' del traghetto che da Genova avrebbe dovuto portarlo al carcere dell'Asinara, in Sardegna. Pochi mesi dopo viene ripreso. Tornato in galera tenta un'altra volta la fuga, nel 1995, questa volta dal carcere di Nuoro. Dal 1999 e' rinchiuso nella sezione dell'alta sicurezza del carcere di Voghera. Dal 2005, dopo aver usufruito di un permesso speciale di tre ore per incontrare l'anziana madre, ha formalizzato la richiesta di grazia, inviando una lettera al ministro di Grazia e Giustizia. L'anno dopo, gli viene notificata la mancata concessione della grazia da parte del Capo dello Stato e Vallanzasca continuera' quindi a scontare la sua pena nel Carcere di Opera a Milano.Nel 2008 si risposa e dal 2010, tra s puo' usufruire del beneficio del lavoro esterno.

Tags:
vallanzascafurto vallanzascamutande
in evidenza
Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

Costume

Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.