A- A+
Cronache

Dodici ragazzine, tutte messe in vendita. Tutte sorelle. La loro aguzzina? Proprio loro madre, che metteva in vendita la loro verginità per 150 euro. Un vero e proprio business, quello messo a punto della donna, che aspettava che le bimbe compissero i 12 anni per darle in pasto a uomini anche anziani. Poi continuava a farle prostituire per pagare le bollette e intascare il denaro. Ma una delle ragazzine non ha più retto e l'ha denunciata alla polizia...

Margarita de Jesus Moreno Zapata, 45 anni, è stata arrestata. È stata proprio una delle sue figlie, 16enne e incinta, a incastrarla denunciandola alla polizia: la donna non voleva che tenesse il bambino. In manette anche Tito Cornelio Daza, 51 anni, padre biologico del nascituro. Se condannato, dovrà scontare dieci anni di carcere per violenza carnale nei confronti di un minore. Altri due figli della Zapata, di 11 e nove anni, sono scampati alla sorte delle sorelle e sono stati ora affidati ai servizi sociali. Ancora incerto il destino delle 12 figlie.

Tags:
verginitàfiglie
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.