A- A+
Cronache

 

 

carabinieri

 

Non si ferma la violenza sulle donne in Italia. A Venezia un uomo ha cercato di uccidere la moglie nel più brutale dei modi: dandole fuoco. Ora la donna, di 35 anni, è in gravi condizioni al centro grandi ustioni dell'ospedale di Padova.

LA DINAMICA - Al culmine di un litigio nel loro laboratorio calzaturiero, l'uomo ha spruzzato del mastice infiammabile sul volto della moglie e poi ha appiccato il fuoco. Il fatto è avvenuto a Vigonovo, in provincia di Venezia. L'uomo, 47 anni, è fuggito ed è ora ricercato dai carabinieri per tentato omicidio. La donna, che conduce con il marito il tomaificio, è stata soccorsa da alcuni parenti che hanno udito le sue urla disperate. Proprio la natura del mastice industriale, una sostanza usata per incollare le scarpe, ha reso difficile domare le fiamme sul corpo della donna, che è arrivata all'ospedale di Padova in condizioni molto serie, con ustioni estese oltre che al volto anche al busto. Ora è in prognosi riservata.

Tags:
veneziamasticemogliefuoco
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
Nuova smart #1,il domani è già arrivato

Nuova smart #1,il domani è già arrivato

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.