A- A+
Cronache

 

Paolo Borsellino

Prime tre condanne per il nuovo filone d'inchiesta sulla strage di via D'Amelio, in cui morirono il giudice Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta. Il Gup di Caltanissetta, Lirio Conti, ha inflitto rispettivamente 15 anni e 10 anni di reclusione ai collaboratori di giustizia Gaspare Spatuzza e Fabio Tranchina, giudicati col rito abbreviato assieme all'ex collaboratore Salvatore Candura, che ha avuto una pena di 12 anni.

Candura era accusato solo di calunnia aggravata perchè avrebbe mentito ai magistrati con dichiarazioni che in precedenti processi hanno portato a condanne di persone estranee all'attentato. La Procura aveva chiesto pene rispettivamente a 13 anni per Spatuzza, 10 anni per Tranchina e 10 anni e mezzo per Candura.

I familiari delle vittime si sono costituiti parte civile, rappresentati dagli avvocati Roberto Avellone, Mimma Tamburello, Fabrizio Genco e Giuseppe Ferro. "Questa sentenza -ha commentato il procuratore Sergio Lari- dimostra che la nostra tesi accusatoria ha retto. E' positiva perche' sono state accolte tutte le nostre richieste". La nuova inchiesta e' nata dalla collaboraazioni di Spatuzza che si e' autoaccusato di aver avuto un ruolo nella preparazione della strage e ha scagionato imputati gia' condannati in via definitiva, e scarcerati dopo anni.

Tags:
d'amelioborsellinopalermomafia
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.