A- A+
Cronache

Si è ucciso impiccandosi al balcone di casa sua a Torino, probabilmente perchè era appena stato sfrattato. E' successo nel quartiere Parella nel capoluogo piemontese. Sembra che l'uomo, di 50 anni, avesse ricevuto poche ore prima l'avviso di sfratto, trovato in una delle sue tasche. La polizia gli ha infatti trovato in tasca l'ingiunzione che gli era stata notificata con l'obbligo di lasciare l'appartamento in cui viveva entro 30 giorni.

È possibile che l'uomo, che viveva solo, si sia impiccato poche ore dopo la notifica dell'ingiunzione di sfratto, in serata. Il suo cadavere è stato scoperto in mattinata da un vicino di casa, che ha dato l'allarme. L'uomo era un operaio che per tutta la vita aveva lavorato per aziende del settore metalmeccanico, ma soltanto con contratti precari. Da molti mesi, a causa della crisi, aveva perso anche l'ultimo lavoro a tempo determinato e, a quel punto, non era più riuscito a pagare l'affitto. Si era rivolto anche a banche e finanziarie per ottenere credito, ma aveva sempre ricevuto risposte negative. Poi l'ingiunzione di sfratto da quel monolocale in cui viveva da due anni.

Tags:
torinosfrattoimpicca
in evidenza
Vacanza da sogno per i Ferragnez In Puglia tra masserie di lusso

Savelletri, Torre Canne e...

Vacanza da sogno per i Ferragnez
In Puglia tra masserie di lusso

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.