A- A+
Cronache
Yara, Bossetti non parla. I legali: "Pressioni per la confessione"
Da Facebook

"Troppe pressioni su Massimo Bossetti per indurlo a confessare": questa la protesta dei legali dell'artigiano in carcere da cinque mesi per il caso Yara, al termine dell'interrogatorio svoltosi stamattina nel carcere di Bergamo. Interrogatorio che e' durato meno di un'ora, visto che Bossetti si e' avvalso della facolta' di non rispondere.

Presumibilmente il pm Letizia Ruggeri gli ha sottoposto le novita' delle ultime settimane, con il racconto di una donna che dice di averlo riconosciuto come uno dei due uomini che la sera della sparizione di Yara vide nascosti in una siepe nei pressi del luogo del rapimento. All'uscita gli avvocati dell'arrestato hanno protestato per il modo in cui Bossetti viene trattato in prigione, spiegando che sarebbe sottoposto a "continue pressioni" per ottenere una confessione.

Tags:
yarabossetti
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.