A- A+
Cronache
Yara, 14enne denuncia. "Anch'io ero seguita da un furgone cassonato"

"Il giorno prima della scomparsa di Yara un uomo su un furgoncino mi aveva seguita". Lo denunciò ai carabinieri di Ponte San Pietro una ragazzina, all’epoca undicenne (oggi ne ha 14), che frequentava le scuole medie di Brembate Sopra, come racconta L'Eco di Bergamo. Dichiarazioni che ora tornano ad essere importanti per gli inquirenti, in particolare per un dettaglio: "A seguirmi era un furgoncino di quelli col cassone dietro". Proprio come l’Iveco Daily di Massimo Bossetti, in carcere con l’accusa di aver ucciso Yara Gambirasio. Il furgone di Bossetti - che si trova sotto sequestro in un’autorimessa dei Ris di Parma - sembra corrispondere alla descrizione.

Certo non è il solo furgone cassonato, quello di Bossetti, in una provincia come quella di Bergamo, che conta 17 mila imprese edili. Ora gli inquirenti risentiranno la ragazzina e cercheranno di capire dove era Massimo Bossetti alle 13,10 del 25 novembre 2010 grazie ai tabulati telefonici.

Tags:
yarafurgone
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.