A- A+
Cronache

La famiglia di Yara Gambirasio si oppone all'archiviazione del fascicolo di Mohammed Fikri, l'operaio marocchino che a tutt'oggi continua ad essere l'unica persona indagata per il rapimento e l'omicidio di Yara Gambirasio. La richiesta e' stata presentata dieci giorni fa dal pm Letizia Ruggeri dopo che il il gip Ezia Maccora aveva richiesto un supplemento d'indagine.

I nuovi accertamenti si erano incentrati soprattutto sulla traduzione della frase che il marocchino aveva detto al telefono e che ne aveva giustificato l'arresto. Secondo due interpreti era stata "Allah, non l'ho uccisa io", secondo altri quattro erano imprecazioni contro un creditore che non rispondeva al telefono. Sei nuove traduzioni avevano convalidato questa seconda ipotesi e in base a questo, era stata presentata la richiesta di archiviazione contro la quale ora la famiglia Gambirasio tramite l'avvocato Enrico Pelillo ha depositato la sua opposizione, basata sulla convinzione che invece la traduzione originale fosse esatta, e l'operaio avesse detto proprio "Non l'ho uccisa io".

Sara' il gip Ezia Maccora a prendere una decisione dopo avere valutato gli atti. Tutto questo quando manca poco piu' di un mese alla chiusura definitiva delle indagini sull'omicidio di Yara, prevista alla fine di febbraio. Senza che, nonostante gli oltre 12.000 campioni di Dna prelevati a chi in qualche modo poteva essere implicato nel caso, ci sia alcun sospettato per l'omicidio.

Tags:
yarafamigliafikri

i più visti




casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.