A- A+
Cronache

Una nuova lettera scuote il caso Yara. L'Eco di Bergamo pubblica la notizia di un nuovo passo compiuto dall'anonimo di Rho, tornato a farsi vivo con una lettera di tre pagine. Il mittente è il cappellano dell'ospedale, e con una telefonata in portineria "Mi chiamo Mario, sono stato io", ha lasciato una lettera di tre pagine. La polizia sta stringendo il cerchio attorno al misterioso individuo che sostiene di saper qualcosa sul delitto di Yara. "Vi prego, informate la polizia di Bergamo: qui è passato l'omicida di Yara Gambirasio. Che Dio mi perdoni", aveva scritto qualche giorno fa sul quaderno delle preghiere dei fedeli nella cappella dell'ospedale di Rho (Milano).

 

Tre fogli scritti a penna e firmati da un certo "Mario". "Sono stato io a scrivere il messaggio sul libro delle preghiere in chiesa", avrebbe scritto l'uomo. Il contenuto della lettera è ancora top secret e al vaglio degli inquirenti. Secondo indiscrezioni, però, l'uomo confermerebbe di essere a conoscenza di qualcosa che riguarda la morte della povera Yara. Al momento gli inquirenti restano scettici, convinto che possa trattarsi di un mitomane. Ma la polizia non intende trascurare alcuna ipotesi.

Tags:
yaramariokiller
in evidenza
"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

Zorzi torna su discovery con Tailor Made. La video-intervista

"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”

Scatti d'Affari
Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”





casa, immobiliare
motori
Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura

Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.