A- A+
Cronache
Yara, un testimone scagiona Bossetti: "Fu vendetta contro il padre"
Da Facebook

Una persona di Vicenza confermerebbe l'ipotesi che la morte di Yara sia legata a motivi di vendetta maturati nell'ambiente di lavoro del padre, Fulvio Gambirasio, una versione riferita ai pm anche dallo stesso presunto killer, il muratore Massimo Giuseppe Bossetti. Lo riferisce l'avvocato di Vicenza Agron Xhanaj, legale dell'Associazione "Vite Sospese" e della famiglia di Francesca Benetti, la cinquantacinquenne scomparsa da mesi nel grossetano.

 Xhanay ha reso noto di 'aver inviato ieri alla Segreteria della Dott.ssa Letizia Ruggeri - Procura della Repubblica di Bergamo - indagini difensive che conforterebbero la versione riferita dall'indagato'. "Si tratta di sommarie informazioni rilasciate da una persona del vicentino che riferisce di circostanze apprese ad una settimana di distanza dalla scomparsa di Yara - continua il legale - informazioni che coincidono con la motivazione della vendetta che l'indagato Bossetti ha fornito al Pubblico Ministero"

 "La riservatezza non mi consente di rivelare altro, neppure se si tratta di un uomo o di una donna - ha aggiunto il legale - Posso solo dire che nei giorni successivi alla scomparsa di Yara questa persona era nella zona, non per motivi di lavoro, e che è venuta a conoscenza di circostanze avvalorate anche da altre persone". L’ipotesi che il sequestro e l’omicidio di Yara Gambirasio fossero legati a questioni maturate nell’ambiente lavorativo del padre era già circolata subito dopo la scomparsa della ragazzina, il 26 novembre del 2010. Ma non aveva trovato riscontri nelle indagini.

Tags:
yara
in evidenza
Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

Costume

Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.