A- A+
Culture
Il Cese alla XXII Bmta: "Una nuova agenda europea per il turismo e la cultura"

“Una nuova agenda europea per il turismo e la cultura”. E’ questo il tema dell’audizione pubblica del Comitato economico e sociale europeo (Cese) che si svolgerà venerdì 15 novembre 2019 a Paestum (Salerno) presso il Centro Espositivo Savoy Hotel nell’ambito della XXII edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico. L’iniziativa, promossa dal Cese in collaborazione con la Bmta, si propone di mettere in risalto azioni e politiche di promozione del turismo europeo strettamente legato al patrimonio culturale, che si fonda sulla bellezza di uno dei continenti più ricchi al mondo per storia, arte e tradizioni.
Il Cese  è organo consultivo dell’Unione Europea. Comprende rappresentanti delle organizzazioni dei lavoratori, dei datori di lavoro e di altri gruppi d’interesse, ha per compito fondamentale la formulazione di pareri nei principali settori dell’attività comunitaria, destinati alla Commissione europea, al Consiglio dell’Unione europea e al Parlamento europeo, fungendo così da ponte tra le Istituzioni decisionali dell’Ue e i cittadini dell’Unione. L’audizione pubblica si inserisce nell’ambito dei lavori del Cese, che negli ultimi anni ha dedicato un’attenzione crescente al tema della cultura, chiedendo il rilancio dell’Agenda europea che miri a un vero e proprio “Nuovo Rinascimento Europeo - rEUnaissance”. Aprire le porte a rappresentanti delle organizzazioni attive nel settore della cultura può apportare creatività e visione e costituisce il fondamento dell’“unità nella diversità”, componenti fondamentali del vivere comune.

Il turismo culturale sarà, quindi, uno dei temi trainanti, non solo come potenziale veicolo di crescita dei flussi turistici nei paesi dell’Unione Europea e del Mediterraneo, ma con lo scopo, ancora più importante, di valorizzare al meglio il patrimonio culturale dell’area, sia come fattore d’integrazione sociale che di sviluppo economico. Aprirà i lavori il presidente del Cese Luca Jahier e interverranno parlamentari e responsabili delle istituzioni europee, oltre che i vertici del mondo del turismo e della cultura europei e nazionali. L’audizione pubblica si inserisce in un programma più ampio di quattro giorni, che vedrà riuniti a Paestum in occasione della Bmta, oltre a 100 espositori, di cui 25 Paesi esteri, nell’ambito del salone espositivo, circa 300 relatori, 100 giornalisti accreditati, 200 operatori turistici tra buyer europei e seller nazionali, in una serie di conferenze, incontri e workshop incentrati su un confronto di esperienze non solo tra i Paesi del Mediterraneo.
La XXII edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico si svolgerà a Paestum presso il Centro Espositivo Savoy Hotel, la Basilica, il Museo Nazionale, il Parco Archeologico dal 14 al 17 novembre. Obiettivo dell’iniziativa è promuovere i siti e le destinazioni di richiamo archeologico, favorire la commercializzazione, contribuire alla destagionalizzazione e incrementare le opportunità economiche.

Commenti
    Tags:
    paestumnettunosalernomuseo
    in evidenza
    Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

    Striscia la Notizia, sexy veline

    Giulia Pelagatti... a tutto sport
    Talisa Ravagnani, ex star di Amici

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT

    Inaugurate Casa 500 e La Pista 500, il manifesto “green” di FIAT


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.