A- A+
Culture
Amazon: una delle più grandi cantonate nelle pubbliche relazioni

di Editor Insider (l'autrice lavora da anni nelle case editrici, mondo che racconta dall'interno con la garanzia dell'anonimato) In questa faida estiva che vede il colosso dellUe-commerce Amazon contro il gruppo editoriale Hachette sul prezzo degli e-book ci è andato di mezzo perfino George Orwell.
La disputa va avanti ormai da mesi. In breve:
Amazon vorrebbe rinegoziare il contratto sulla vendita degli e-book di Hachette: ha chiesto una quota maggiore di profitto ma anche di abbassare i prezzi. Hachette non intende cedere a quella che giudica una indebita intromissione nelle proprie strategie.
A questo Amazon chiama in causa il celebre scrittore  a sostegno della sua tesi sul ribasso dei prezzi dei libri elettronici, citandone una frase: "Se gli editori fossero sensati, dovrebbero mettersi d'accordo e sopprimerli".
Peccato perché letta nel suo contesto originario questa frase voglia proprio sostenere l'esatto contrario.
Il New York Times ha sottolineato la gaffe dedicando mezza pagina di stroncatura su una delle più grandi cantonate nelle pubbliche relazioni".
L'Amazon Book Team fa riferimento a Orwell sostenendo che gli scrittori storicamente hanno sempre boicottato la diffusione di libri più economici, senza però riuscire a fermare le innovazioni nell'editoria digitale. Amazon paragona l'avvento dei tascabili (paperback) a cui si riferisce la frase di Orwell e che costavano un decimo dei libri tradizionali con gli e-book di oggi.
La frase originale, riferita alle nuove edizioni tascabili della casa editrice inglese Penguins, in realtà recita: "I nuovi libri Penguins hanno un valore fantastico per sei penny, così fantastico che se gli altri editori avessero un minimo di senno unirebbero le forze per eliminarli". Orwell quindi lodava la casa editrice per aver reso i libri più accessibili al grande pubblico.
Fa notare il New York Times che Orwell celebrava ironicamente l'avvento dei paperback. Tant'è vero che nello stesso brano continuava con un argomento contrario alle tesi di Amazon. E' ovviamente un grande errore pensare che libri a basso costo facciano bene alla commercializzazione di libri ma è vero il contrario. "Più i libri diventano economici", scrisse l'autore, "sempre meno denaro viene speso in libri". "E' un vantaggio dal punto di vista del lettore e non danneggia l'economia nel suo complesso, ma per editori, scrittori e librai è un disastro".
Per Amazon si tratta della seconda gaffe nei confronti di George Orwell che era già stato danneggiato nel 2009 quando copie del suo R1984S erano state cancellate dai Kindle, l'e-reader di Amazon.

Tags:
amazon
in evidenza
Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

Foto mozzafiato della soubrette

Wanda Nara, perizoma e bikini
Lady Icardi è la regina dell'estate

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021

Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.