A- A+
Culture
Arte/ Gualtieri celebra Antonio Ligabue, la pittura del tragico

di Simonetta M. Rodinò

Creatura disperata ed emarginata, Antonio Ligabue proietta sulle tele il dolore esistenziale di una vita straziata, dentro e fuori dalle case di cura, e di una solitudine popolata da incubi. All'artista, un'infanzia difficile, sempre in cerca di amore, genio inquieto, selvatico, diffidente, orgoglioso ed enigmatico è dedicata la rassegna "LIGABUE. Gualtieri", da domenica a Palazzo Bentivoglio di Gualtieri (RE). L'antologica è un grande omaggio che la neonata Fondazione Museo Antonio Ligabue della città della bassa reggiana, in cui egli visse oltre 40 anni, gli rende a cinquant'anni dalla scomparsa. L'ampia e importante mostra, curata da Sandro Parmiggiani e Sergio Negri, si snoda cronologicamente e ospita oltre 100 lavori, alcuni mai presentati prima, tra cui 80 dipinti, 15 disegni, 10 incisioni e altrettante sculture in bronzo e terracotta.

Oltre i paesaggi, gli interni e i ritratti, due sono le grandi tematiche affrontate da "Toni", così lo chiamavano: gli autoritratti e le belve. Nei primi, parte considerevole delle sue opere, cominciava i quadri dagli occhi con le pupille quasi sempre nell'angolo destro. Implacabile nei propri confronti, si dipingeva con estrema verità non celando il naso sempre martoriato e il gozzo ipertrofico. Dai primi autoritratti a quelli realizzati nell'ultimo periodo vi è un costante deterioramento espressivo e raffigurativo, una sorta di lenta decomposizione fisica, creata con incredibile violenza. E i corvi nel cielo di tante sue tele riportano alla mente Van Gogh, l'altro genio tormentato.

Ligabue aveva fatto suo il mondo degli animali, rifiutando quello degli uomini. Camminava sugli argini del Po e parlava alle bestie nella loro lingua, perché si sentiva uno di loro: pigolava, mugghiava, sbatteva le braccia come ali…Il leopardo e l'aquila erano tra i suoi preferiti e l'artista cercava di trasformarsi in una delle belve feroci, identificandosi nelle lotte violente con l'aggressore, come per esorcizzare la sua paura attraverso la rappresentazione della forza. E' un universo arcaico quello che si nasconde dietro gli uccelli dalle piume colorate o dietro l'apparente tranquillità di un cavallo da tiro.

Sulle tele, dalle cromie accese, coesistono memoria e fantasia. Memoria, linfa della pittura figurativa, delle tante visite allo zoo e all'orto botanico del Cantone di San Gallo, dove visse diversi anni presso una famiglia tedesca, dopo la morte della madre e dei fratellini. Memoria delle stampe viste durante il suo vagabondare, del passaggio di un circo, o del Museo di Storia Naturale di Reggio Emilia. Non amò gli svizzeri - nacque a Zurigo nel 1899 -, ma i luoghi sì. Le casette con i tetti a punta ricorrono nei quadri di paesaggi, così come la campagna di Gualtieri e delle zone limitrofe, dove andò ad abitare una volta entrato in Italia.

Pittore non certo assimilabile alla corrente na?f, se mai a quella degli espressionisti, Toni, il "tedesco", o "al mat", scultore e anche incisore, sfugge a definizioni troppo rigorose. E' solo un grande artista geniale. D'altronde i confini che separano la follia dal genio sono difficili da stabilire.

"LIGABUE. Gualtieri"
Palazzo Bentivoglio - piazza Bentivoglio, 36 - Gualtieri (Reggio Emilia)
31 maggio - 8 novembre 2015
orari: dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 13.00; dalle 15.00 alle 19.00
aperto tutti i festivi infrasettimanali
biglietti: intero € 8,00 - ridotto:€ 6,00
infoline: 0522/221869
mail: p.vergnani@comune.gualtieri.re.it
catalogo: Skira

 

Tags:
arteligabue
in evidenza
La confessione di Francesca Neri "Sono una traditrice seriale"

Guarda la gallery

La confessione di Francesca Neri
"Sono una traditrice seriale"

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa


casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.