A- A+
Culture
Buchi neri di materia scura

Di Giuseppe Vatinno

Lo scorso settembre si è avuta la prova sperimentale dell’esistenza delle onde gravitazionali previste da Albert Einstein nella sua Teoria della Relatività Generale; ne parlai in Affari Italiani qui:

http://www.affaritaliani.it/blog/palazzo-meraviglie/la-fisica-dopo-le-onde-gravitazionali-408828.html

Le onde gravitazionali –perturbazioni dello spazio – tempo- sono emesse dalla materia quando è accelerata e sono analoghe (con importanti differenze) alle onde elettromagnetiche emesse dalle particelle cariche.
Questa scoperta è stata rilevante proprio per il fatto che le onde gravitazionali fino ad allora sono state un po’ il Graal della fisica: che ci dovessero essere era certo ma non erano mai state “viste”.
Qualche giorno fa i fisici della John Hopkins University hanno proposto una interpretazione diversa dei dati sperimentali scoperti dal team Ligo lo scorso anno: potrebbe (questa l’ipotesi) trattarsi di onde gravitazionali emesse da buchi neri primordiali costituiti di materia oscura formatisi poco dopo il Big Bang.
I buchi neri primordiali sono diversi dai buchi neri ordinari proprio per il loro meccanismo di formazione che non è dovuto all’inglobare materia ma alle particolari condizioni eccezionali presenti all’inizio del cosmo.
Qui il loro lavoro originale firmato anche dal premio Nobel Adam Riess:

 http://journals.aps.org/prl/abstract/10.1103/PhysRevLett.116.201301

La materia oscura, insieme all’energia oscura, è uno dei grandi enigmi della scienza contemporanea; infatti si sa che esiste perché esercita tramite la forza di gravità un’azione evidente sulle galassie. L’universo è composto per il 68.3% da energia oscura, per il 26.8% di materia oscura e solo per il 4.9% di materia “ordinaria” e cioè quella che la fisica conosce ed ha classificato. Gli scienziati della JHU non sono certi della loro interpretazione, tuttavia ritengono che la loro spiegazione possa prendere due piccioni con una fava: e cioè spiegare sia le onde gravitazionali emesse dalla fusione dei due buchi neri che le loro anomalie massive.
Infatti questo modello darebbe conto delle particelle (Wimps) che dovrebbero formare la materia oscura e non sono mai state trovate

 

Tags:
buchi nerimateria oscura buchi neri
in evidenza
Iodio, non solo nell'aria di mare Come alimentarsi correttamente

La ricerca sfata i luoghi comuni

Iodio, non solo nell'aria di mare
Come alimentarsi correttamente

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra

Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.