A- A+
Culture
Confindustria, le imprese culturali e creative si rafforzano nel sistema

Si è svolta oggi 30 marzo l’assemblea privata dell’Associazione Imprese Culturali e Creative (AICC) che ha segnato l’inizio di una nuova fase per l’Associazione aderente al Sistema Confindustria. Nata  a luglio del 2018 , AICC supera  con questa Assemblea il periodo di rodaggio con il completamento degli organi statutari e la conferma del mandato al Presidente Luigi Abete che ha governato con successo  la transizione.  

Negli ultimi due anni, gli anni  difficili della pandemia,  l’Associazione ha visto triplicare la sua base associativa ed  è oggi un riferimento associativo per   realtà,  piccole,  medie e grandi,  attive nel settore delle mostre e della gestione dei musei, della digitalizzazione e dell’editoria specializzata nell’arte, della logistica per l’arte, oltre a parchi e grandi giardini di interesse culturale. Il comune denominatore delle imprese associate è operare con impegno e passione, per la produzione e la gestione di prodotti e servizi  diretti ad  accrescere il valore del patrimonio culturale nazionale sia pubblico che privato.  

Attraverso la costituzione al suo interno  di hub associativi, AICC offre servizi settoriali mirati e, al contempo, dà voce alle istanze complessive del settore facendone sintesi nel dialogo con le istituzioni.

Nel ringraziare gli associati per la fiducia, il presidente Luigi Abete ha dichiarato che “AICC punterà a rafforzarsi per proseguire ad essere un punto di riferimento per la rappresentanza e la tutela degli interessi delle imprese del settore. I prossimi passi in tal senso riguarderanno alcuni temi caldi. Per i provvedimenti emergenziali, l’accelerazione nella corresponsione dei ristori, già da tempo deliberati e ad alcuni non erogati.

Sul piano strutturale:

  • affrontare in modo organico la questione delle gratuità nei musei e nei luoghi di cultura, quasi sempre non adeguatamente programmate e non coerenti con i servizi definiti con le imprese; 
  • l’attivazione di una politica per favorire l’internazionalizzazione, tramite la promozione di mostre itineranti strutturate;
  • la circolazione delle opere giacenti nei depositi, pubblici o privati, per rivitalizzare i musei ed i luoghi di cultura, esistenti in modo diffuso sul territorio nazionale;
  • da ultimo, non per importanza, il tema delle gare per evitare criteri che tendono solo al massimo ribasso senza ricerca di procedure adeguate che trasformino i bandi di gara in occasioni di innovazione e di miglioramento della qualità dei servizi utili al rilancio e all’investimento per i beni culturali”
Commenti
    Tags:
    confindustriaimprese culturali e creativeluigi abete





    in evidenza
    Affari in Rete

    Politica

    Affari in Rete

    
    in vetrina
    Sorpresa a Sky: Federica Masolin lascia la Formula 1

    Sorpresa a Sky: Federica Masolin lascia la Formula 1


    motori
    DACIA presenta Nuova Spring 100% elettrica

    DACIA presenta Nuova Spring 100% elettrica

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.