A- A+
Culture
Lupo

di Alessandra Peluso

Parlare è una necessità, ascoltare è un’arte, afferma Goethe, ascoltare è come vedere una nuova realtà, in un’altra prospettiva, riscoprire nuovi orizzonti che solo l’attitudine dell’ascolto comporta: Ė del forte l’ascolto (Lupo Editore 2013), lo sa bene Carlotta Lezzi, che lo scrive, lo vive.

E dunque tenaci disponiamo gli orecchi all’ascolto e leggiamo lasciando parlare i versi imperiosi di questa silloge che come diamanti illuminano ed hanno un peso. Sono complessi, poliedrici, dalle mille forme ed esprimono l’amore: il femminile e il maschile in una guerra ineguagliabile. «M’incaponivo / amara d’amore ideale / amavo / lo amavo. (...) Mi incaponivo nei suoi no». ( p. 41).   

È il tormento, è l’angoscia che pervade l’animo di Carlotta Lezzi, cerca un appiglio, un rifugio, una cura per un amore cercato, voluto ad ogni costo come una preda, «come appare il cane / dinanzi al nemico feroce / per difesa o istinto / abbaiavo funeste parole». (p. 33). Sono bellissimi i versi sofferti e altèri che la bocca di Carlotti Lezzi acclama, penetrano come una lama tagliente e affilata l’animo del lettore.

Di una straordinaria capacità descrittiva nell’esprimere il sofferto sentimento dell’amore. Predilige la poesia perchè è convinta che solo con il dolce ritmo di allitterazioni, rime, parole che battono il tempo mai a caso si è in grado di comunicare e far capire le sensazioni forti, o forse semplicemente sfogare una rabbia che straripa dall’incipit sino all’ultima poesia con versi graffianti e incisivi. «Altéra / diversamente altéra / cucendosi addosso / un niente che è tutto / è in ogniddove / è luce e tempesta.  / Altéra / a tratti divina / con le sue piccole croci». (pp. 49-50).

È singolare l’uso della terza persona  che giace tace e soggiace nei versi come se parlasse al lettore che forte ascolta ed elegantemente si toglie dalla scena con un “Io” lasciando il lettore protagonista al contempo soggetto/oggetto incapace di decidere, disorientato, ma sempre attento all’ascolto. Come disorientato è quest’amore verso il maschile forte vittorioso rivoluzionario come Napoleone, o sensibile e fragile come il don Chisciotte. Così si legge: «Sei Napoleone / il virgulto della Francia, sei Bach / e le sonate in crescendo, / sei il poeta, / il don Chisciotte della Mancia, / sei la lancia  / nella piaga di chi sta morendo». ( p. 51).

Risuona l’eco sensibile e tormentato degli anni della giovinezza di Alda Merini - la nostra grande poetessa contemporanea - che ci ha fatto conoscere e amare l’amore se pur folle come scrive e non ha mai rinnegato la poesia perchè anche col silenzio si possa scrivere e con i versi comunicare e  avere l’ardore di narrare con passione la propria fragilità, i propri limiti, “trasformandoli in energia, in forza appunto” ed è proprio questo che fa con veemente passione e vorticoso tormento Carlotta Lezzi.

Si racconta, canta l’amore - l’anima amante - e lo fa con egregia sinfonia, come si può non ascoltare, sarebbe come restare indifferenti alla “Cavalcata delle Valchirie di Wagner”: «Una lama, / il tuo illuminato sorriso / e poi niente. / Ho perduto schiere di angeli / e santi dolori acuminati / mi hanno invasa al tuo trapasso / dorato di stelle altrui». (p. 61).

Perciò lasciamoci cavalcare dai versi di “Ė del forte l’ascolto” e galoppiamo indomiti come cavalli impazziti, rapiti dal Dioniso, gioia e tormento, vita e morte, paradiso e inferno verso la meta che è al di là dell’abisso della superficilità, la profondità della vita nella pianura incontaminata della poesia.

«La mente, un ventre / di membri / sperduti sonagli / di membra / ove il genio acceso / riposa. / ... /  ove un’eco / silenziosa / nel moto del tempo / col tempo / si sposa». (p. 55).

Sposa fedele è la poesia che chiede unione indissolubile all’amore e a chi con lei convola alle nozze della vita come Carlotta Lezzi in “Ė del forte l’ascolto” (Lupo Editore).

Tags:
carlotta lezzi"È del forte l’ascolto"
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena


casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.