A- A+
Culture

 

Mondello, Aldo Busi "respinge al mittente" il premio alla carriera... Walter Siti: "Non mi stupisce...". Ernesto Ferrero: "Mi dispiace"
 

IL CASO/ Avrebbe preferito il "Premio Miglior Scrittore Straniero (In Patria)". Aldo Busi "respinge al mittente" il riconoscimento alla carriera conferitogli dalla giuria del premio letterario internazionale Mondello... Alessandro Dalai (l'editore di "El especialista de Barcelona", tra i 12 semi-finalisti allo Strega) preferisce non commentare la scelta dello scrittore...
Ernesto Ferrero, direttore del Salone del Libro (partner del Mondello), intervistato da Affaritaliani.it, esprime "dispiacere" per la decisione di Aldo Busi: "Avrà le sue ragioni, che rispetto. E' libero di non accettare il premio, che ha una storia illustre alle spalle..."
Walter Siti (che con Andrea Canobbio e Valerio Magrelli concorre al "SuperMondello", e che dovrebbe ritrovare Busi in cinquina al Premio Strega) ad Affaritaliani.it spiega: "Non mi stupisce la decisione di Aldo, di cui ho grande stima come scrittore. Mi sembra coerente con quanto già in passato ha dichiarato in relazione al suo rapporto con i premi letterari". E sulla sfida allo Strega con lo scrittore di Montichiari, il favorito (autore di "Resistere non serve a niente") aggiunge: "Un po' mi preoccupa avere un concorrente di tale livello. Allo stesso tempo, credo sia importante per lo Strega che vi concorrano nomi importanti della nostra letteratura". E sul "SuperMondello"... - I PARTICOLARI (pubblicato il 23 aprile 2013)

LO SPECIALE

Scrittori, editori, editor, interviste, recensioni, librerie, e-book, curiosità, retroscena, numeri, anticipazioni... Su Affaritaliani.it tutto (e prima) sull'editoria libraria

di Paolo Di Paolo

L'espressione "quote rosa" non mi è mai piaciuta: fa pensare a una concessione offerta a una minoranza. Bisognerebbe piuttosto puntare a un reale equilibrio nelle opportunità: perfino quando si tratta di premi letterari. L'anno scorso ho avuto l'onore di essere incluso fra i vincitori del Premio Mondello Opera italiana, insieme a Edoardo Albinati e a Davide Orecchio, da una autorevole giuria: Massimo Onofri, Domenico Scarpa, Emanuele Trevi. Salta all'occhio l'assenza di un solo nome femminile. Per fortuna il giurato per la letteratura straniera Paolo Giordano ha scelto Elizabeth Strout. E quest'anno? I giurati sono Daniele Giglioli, Raffaele Manica, Matteo Marchesini. I premiati, Andrea Canobbio, Valerio Magrelli, Walter Siti. Il premiato alla carriera, Aldo Busi, ha rinunciato. Un nome femminile, in effetti, c'è: Melania Mazzucco, giurata unica per la letteratura straniera (ha scelto il grande Péter Esterhazy). Questa preponderanza maschile non è un buon segno. Per carità, la letteratura non ha sesso e l'etichetta "letteratura femminile" mi è sempre sembrata riduttiva e indigesta. Tuttavia, vale la pena di riflettere: possibile che tra libri usciti nell'ultima annata non ci fosse anche una scrittrice da considerare? E una studiosa di letteratura meritevole di essere inclusa nella giuria?

Le statistiche ci dicono chiaramente che i lettori di narrativa, in Italia, sono in larghissima parte lettrici. Non bisognerebbe forse tenerne conto? Tanto più considerando che le storie letterarie anche più recenti - se dedicano capitoli autonomi a Gadda e a Calvino - tendono a inglobare in un unico capitolo autrici come Morante, Ginzburg, Lalla Romano, Ortese. Su Romano, come su Ginzburg, pesano ancora pregiudizi maschiocentrici che le fanno passare come "scrittrici del tinello". Aiuto! Non è questione di politicamente corretto - come subito qualcuno dei soliti "cattivisti" obietterà: è questione di onestà intellettuale. Allo Strega 2013, su 26 candidati solo 5 erano autrici. Questo, chiaramente, dipende dalle scelte delle case editrici, ma è comunque indicativo. Per il Mondello, si presenta l'anno prossimo una grande occasione: quella di una giuria tutta femminile, per esempio. E - se non sembrasse poco elegante - si potrebbe anche rilanciare il premio alla carriera respinto al mittente da Busi assegnandolo a un'autrice. I nomi ci sono, e sono tanti.

PaoloDiPaolo

L’AUTORE DELL’INTERVENTO - L’ultimo libro di Paolo Di Paolo è “Mandami tanta vita” (Feltrinelli; qui un estratto e la trama), tra i 12 semi-finalisti al premio Strega 2013.

Tags:
premio mondellopremio stregapaolo di paoloaldo busipremi letterariscrittricilettrici
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.