A- A+
Culture
Il teatro cambia volto con Old Times

di Lucilla Noviello


Quando prende forma un progetto teatrale e la vivacità artistica e culturale di un Paese si misura con quella di un altro ne gioisce non solo una generazione ma anche tutte quelle che vorranno successivamente ispirarsi per trarne spunto e arte nuova e felicità. Lo spettacolo che prende vita dall'idea di una giovane attrice italiana, ma di cultura anglosassone, Caterina Capodilista, insieme con il regista inglese Stephen Middleton, è Old Times, opera nota di Harold Pinter ma mai messa in scena abbastanza. Al teatro Argot di Roma fino al 10 marzo poi in tournè in Italia e a Londra fino a dicembre, lo spettacolo interpretato da Adam Scott-Rowley, Rebecca Whitbread e la stessa Caterina Capodilista, è la rappresentazione di quella triste e insieme misteriosa relazione umana - amichevole o di coppia - che Pinter descrive tra l'indifferenza e la cattiveria, tra la tenerezza e il cinismo senza soluzione di continuità e senza spiegare le motivazione di alcuna evoluzione comportamentale o emotiva. Gli attori recitano in lingua originale e la scelta del regista, pur  optando per alcuni tagli testuali - discutibili a volte e in special modo nel momento finale - non si discosta dall'interpretazione della vita dell'autore premio nobel inglese.

La capacità degli attori, da Scott-Rowley che ben interpreta il personaggio maschile, un po' impacciato, a volte collerico, altre distaccato da una realtà che gli sfugge e che poco cerca di capire, a quella di Rebecca Whitbread che oltre ad una recitazione volutamente monocorde presta la sua bella voce e la capacità di cantare quando la memoria, all'interno dell'atto, è più importante del presente, fino alla bravissima Caterina Capodilista, che oltre a muoversi apparendo senza peso ma riuscendo ad appropriarsi della scena, sa addirittura sussurrare o semplicemente suggerire le parole che non dice e provocare una sensualità che il suo personaggio non sa più evocare ma che lei invece propone, quasi immaterialmente, come desiderio. Il progetto teatrale prevede non solo questa rappresentazione e altre di opere di autori inglesi contemporanei, soprattutto viventi e poco noti in Italia - come alcune storiche rassegne già propongono da qualche anno - ma la presenza e il contatto vivace delle compagnie inglesi con le realtà italiane non solo culturali - attraverso seminari aperti in accademie o incontri con il pubblico - ma anche più semplicemente quotidiane, nella speranza che la carriera dello scrittore drammaturgo - possibile economicamente in Inghilterrra e, come è naturale, in moltissimi altri Paesi - possa essere conosciuta e diventare possibile anche in Italia, dove purtroppo tutto ciò che è culturale spesso sembra essere considerato solo decorativo oppure semplicemente hobbistico.
Old Times di Harold Pinter. Regia di Stephen Middleton con Caterina Capodilista, Rebecca Whitbread e Adam Scott-Rowley. Al Teatro Argot Studio di Roma fino al 10 marzo poi in tournè.

Tags:
teatroold times
in evidenza
Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

Foto mozzafiato della soubrette

Wanda Nara, perizoma e bikini
Lady Icardi è la regina dell'estate

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021

Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.