A- A+
Culture
Intervista a Flavia Perina sul suo libro d’esordio "Le lupe"

«La vendetta. È un’idea che ferma all’improvviso le lacrime perché una donna di mezza età, una donna che ha una famiglia, una casa di proprietà, una macchina, la tessera del supermercato nel portafoglio e le rate del mutuo da pagare, non può immaginarsi all’angolo di una strada buia mentre aspetta che rientri il vigliacco che ha ammazzato suo figlio.»

Le Lupe è il romanzo d’esordio di Flavia Perina, giornalista, già direttrice de Il Secolo d’Italia e parlamentare. La trama riguarda la vita di una donna borghese di Roma Nord, Flaminia, una donna di destra, che negli anni ’70 è stata tentata dall’ avventura della illegalità e che poi si sposa e apparentemente si “sistema” fino a quando un poliziotto fatto di cocaina, il “Mascio” le uccide il figlio Carlo scambiandolo per un ultrà calcistico ed allora l’antica rabbia si rifà viva e la induce a un progetto di vendetta insieme ad un’amica terrorista dei tempi andati.


D: Flaubert ha detto “Madame Bovary” sono io. Tu sei Flaminia?

R: Flaminia non sono io, è un personaggio inventato. Flaminia è solo una donna che vuole reagire all’ingiustizia, non è un modello, non è un’eroina. Flaminia è una donna adulta vittima di una bruciante ingiustizia che la riporta ai tempi in cui era ragazza.

D: Chi è il “Mascio”?

R: È un personaggio ordinario, non è un mostro ma un uomo banale come tanti che ha compiuto un atto orribile ma non lo percepisce nemmeno come tale perché è privo di ogni senso etico. Due minuti dopo è già su Fb a postare foto di cibo e commenti sul calcio.

D: La tua provenienza da destra ha orientato la stesura di questo romanzo?

R: Non mi definirei più “di destra” da molto tempo. Il mio racconto non è un racconto “di destra” né “di sinistra”. Semmai una storia legata alle esperienze, antiche e recenti, della mia generazione, segnate da antiche giustizie e da storie contemporanee che vanno al di là della politica come quella di Gabriele Sandri, Stefano Cucchi, Federico Aldovandri.

D: Ma il mondo della destra attuale non è mai sembrato molto sensibile a queste storie…

R: Ha fatto male. L’ingiustizia, se commessa dallo Stato o da chi lo rappresenta, è una ferita profonda che va molto al di là dei danni immediati e personali che provoca su singole persone.

D: Venendo alla cronaca, che ne pensi del caso Cucchi?

R: Stiamo ancora aspettando la verità. È una orribile storia di depistaggi e malagiustizia.

D: In definitiva chi è Flaminia?

R: Flaminia è una donna che credeva di aver fatto un patto, come lei stessa dice nel libro: segui il canone, le regole, e sarai al sicuro. Scopre all’improvviso che è stata imbrogliata, che quel patto era un inganno, ed è anche di questo che vuole vendicarsi.

Giuseppe Vatinno

Tags:
flavia perina intervista
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Citroën Ami 100% ëlectric, entra in servizio al Genova City Airport.

Citroën Ami 100% ëlectric, entra in servizio al Genova City Airport.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.