A- A+
Culture
La cultura rivaluta il bacio: da Hayez agli scatti di Time Square

di Raffaello Carabini

Non crediamo a Edmond Rostand. Un bacio "non" è l'apostrofo rosa tra le parole t'amo. Un bacio, quello vero, è l'espressione del desiderio, che, come diceva Eraclito in tempi non sospetti, "quello che vuole lo compra a prezzo dell'anima". E un bacio è l'affermarsi di una contraddizione: non è vero che si desidera solo ciò che non si ha. Il desiderio sono le ali dell'auriga platonico che guida cavalli anch'essi alati nella celebre rappresentazione dell'anima umana, la cui corsa è spinta dalle passioni e condotta/pilotata dalla ragione (con tutti i suoi desideri).
Se il desiderio ci fa volare, oltre il tempo, oltre lo spazio, oltre il presente, un bacio ci rassicura che possiamo andare al di là dell'io e dell'adesso. "Ti mette le ali", come direbbero i pubblicitari, che di desideri se ne intendono per necessità professionale. Ma lo sapevano già i filosofi greci, e - consciamente o meno, com'è sempre nell'arte - l'ha sempre saputo chi è riuscito a darne una rappresentazione "ideale", coniugando il desiderio di bellezza e di senso.
Dall'autore romano del piccolo affresco che raffigura un bacio sensuale fra il ciclope Polifemo e la ninfa Galatea al primo bacio della storia del cinema, meno di 30 secondi tra John C. Rice e May Irwin in "The Kiss" del 1896; da Giotto che, con il bacio tra sant'Anna e san Gioacchino lo introduce nella pittura moderna, ai baci gay di alcune icone contemporanee; dalle sculture che ornano dall'anno mille in poi i templi indiani all'universale "Bacio" del 1907 di Gustav Klimt; da quello "volante" dello Chagall de "Il compleanno" del 1915 a quello coevo e scapigliato di Ambrogio Alciati ("Convegno"); dalle stampe a cavallo del 1800 del giapponese Katsushika Hokusai al bacio del principe azzurro della disneyana "Biancaneve" del 1937. E dalla sculture di Canova e Rodin a quella di Brancusi, dal surrealismo "bendato" di Magritte alla pop art di Lichtenstein, dal lunghissimo bacio tra Cary Grant e Ingrid Bergman in "Notorius" di Alfred Hitchcock del 1946 e a quello liberatorio del marinaio alla crocerossina in Times Square, a New York, il 4 agosto 1945, fotografato da Alfred Eisenstaedt.
E naturalmente all'italianissimo "Bacio" di Francesco Hayez, diventato immediatamente simbolo, come il "Nabucco" di Giuseppe Verdi e "I Promessi Sposi" di Alessandro Manzoni, di un Paese che stava per nascere. Manifesto del Risorgimento, con l'intrecciarsi nelle vesti dei tre colori della bandiera italiana (in alcune versioni uniti anche a quelli del tricolore dell'alleato francese). Ben oltre le intenzioni iniziali dell'autore, dettate soprattutto dal "calderone di impulsi ribollenti" di freudiana memoria cui l'ultrasessantenne pittore nato a Venezia, ma milanese per gli ultimi 60 anni di una lunghissima vita, soggiaceva, mentre lo dipingeva per la giovanissima amante Adele Appiani, nipote del celebre pittore neoclassico Andrea.
A lei fece dono della prima stesura del dipinto. La ragazza avidamente - insieme alla sorella e alla madre assillò quasi ricattatoriamente con continue richieste di denaro per anni l'ammogliato e sottaniere Hayez - lo rivendette subito, ma lo schivo conte Alfonso Maria Visconti di Saliceto ebbe il tempo di vederlo e di chiederne una nuova versione al maestro.
È questa, delle sei tra precedente e successive (una del 1861 fu venduta all'asta nel 2008 da Sotheby's per 780.450 sterline, oltre un milione di euro, a un collezionista tedesco), quella che da un secolo e mezzo si ammira in Brera, opera tra le più conosciute della pinacoteca. Oggi è posta in una posizione centrale all'interno della magnifica sala dell'800 italiano, supportata da alcuni tablet, che, con un bel realizzato percorso illustrativo, ne narrano la genesi, la simbologia e le varie versioni, esito della fama raggiunta fin dalla prima esposizione pubblica del 1859 nella stessa Accademia milanese. Tanto che un sua riproduzione è appesa alla povera parete della stanza della fanciulla di "Triste presentimento", bel quadro di Girolamo Induno del 1861.
Queste notizie e molte altre si trovano nell'agile volumetto appena edito da Skira, intitolato "Il "Bacio" di Hayez". La curatrice dell'800 a Brera Isabella Marelli vi analizza tutto il possibile sull'opera diventata una delle icone della città di Milano e uno dei quadri più noti di sempre. Un quadro da un lato partecipe alla costruzione di una storia dell'Italia condivisa e attuale, che permette di capire chi siamo e di costruire un futuro, dall'altro indicazione che il bacio è desiderio che spinge ad agire per dare un senso a ciò che siamo e che facciamo. Parafrasando Ovido, per dare la nostra risposta al tempo che tutto divora.

 

Tags:
hayeztime square
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.