A- A+
Culture

 

LO SPECIALE

Scrittori, editori, editor, interviste, recensioni, librerie, e-book, curiosità, retroscena, numeri, anticipazioni... Su Affaritaliani.it tutto (e prima) sull'editoria libraria

Il 29 novembre 2012 è stata chiusa la libreria Edison di Piazza della Repubblica di Firenze, dopo diciotto anni di attività fatta di eventi pubblici, di presentazioni di libri e dibattiti, di sale gremite di curiosi e interessati. Un posto che “oggi non se ne fanno più”, direbbe qualcuno, “un presidio di bellezza” ha dichiarato il sindaco di Firenze Matteo Renzi. Che la storia della chiusura di una libreria storica e della battaglia politica portata avanti dai suoi librai sia raccontata in un libro digitale e che venga letta su dispositivi che stanno agli antipodi di un derivato della cellulosa sembra quasi derisorio: una provocazione nata da un caso fortuito della vita; eppure, la storia dei librai della Edison non è solo la storia di una vertenza sindacale: i dipendenti della libreria hanno saputo trasformare la loro battaglia per la salvaguardia del posto di lavoro nel nodo di una rete di rapporti politici, mediatici e civici capace di portare al centro del dibattito pubblico l’importanza del lavoro e della sopravvivenza di presidi culturali all’interno della città. E lo hanno fatto dando vita a un’azione politica “atipica”, fatta di petizioni, eventi culturali, rapporti con i media, improvvisazioni teatrali e soprattutto il coinvolgimento attivo dei cittadini fiorentini. I librai della Edison, scrive Andrea Lattanzi nell’ebook Librai si salvi chi può edito dalla casa editrice digitale fiorentina goWare, «hanno rotto con lo schema tipico della vertenza sindacale, che cerca di difendere a ogni costo il posto di lavoro in quanto tale, per aprirsi a una difesa del “posto” di lavoro in quanto luogo fisico di interesse generale (poiché culturalmente rilevante). Così facendo, interagendo cioè politicamente con le istituzioni cittadine e con la comunità al fine di raggiungere un obiettivo specifico, i librai hanno cercato di partecipare – o hanno partecipato loro malgrado – al governo della cosa pubblica». "La loro vicenda è un modello d’azione per tutti coloro che, inseguiti dallo spettro della disoccupazione, non intendono rassegnarsi e sono disposti a battersi anche in modi non convenzionali per conservare il posto di lavoro. Un cavillo nei regolamenti comunali, una petizione da migliaia di firme, una costante e intelligente pressione sulle istituzioni, sui social media e sugli organi di informazione: elementi che non riguardano esclusivamente la città di Firenze, ma che si prestano, se supportati da tenacia e determinazione, a essere esportati ovunque".

 Il saggio “Librai si salvi chi può” di Andrea Lattanzi è disponibile in versione digitale su Amazon, iBookstore Apple, Bookrepublic, Ultima Books, La Feltrinelli.it, InMondadori, Cubolibri e tante altre librerie digitali a  € 2,99.

Tags:
librai della edisonlibrailibreria edisonandrea lattanzi
in evidenza
Nargi, che sirena al tramonto L'ex velina infiamma Instagram

Un'estate bollente- FOTO

Nargi, che sirena al tramonto
L'ex velina infiamma Instagram


in vetrina
LG, i nuovi auricolari TONE Free si adattano agli stili di vita più dinamici

LG, i nuovi auricolari TONE Free si adattano agli stili di vita più dinamici


casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.