A- A+
Culture
Libri, gli italiani tornano in biblioteca: sono 8 mln, crescono i ventenni

Sono oltre 8 milioni gli italiani che frequentano le biblioteche in Italia, il 15,1% delle persone con piu' di 6 anni. E' quanto emerge dall'ultima indagine ISTAT presentata oggi a Piu' libri piu' liberi, la Fiera nazionale della piccola e media editoria, in programma fino a domani al Roma Convention Center La Nuvola. La ricerca evidenza come i frequentatori di biblioteche in tutte le fasce d'eta' siano aumentati rispetto al 2006, con una crescita particolare tra i 20 e i 24 anni. Negli ultimi dieci anni, dunque, le biblioteche hanno conquistato attenzione senza diventare prevalenti. Il 17,2% delle donne le frequentano, soprattutto nel tempo libero (il 40,1%). Oltre alle attivita' tradizionali, come prendere in prestito un libro (60,1%), leggere e studiare (39,8%) o raccogliere informazioni (27,8%), c'e' anche chi sceglie la biblioteca per incontrare gli amici (8,5%). Chi va in biblioteca? Soprattutto i piu' giovani: tra i 6-24 anni ci sono i maggiori frequentatori, con un picco tra gli 11-14 anni che si attesa sul 41,5% di frequentatori nel 2015 (erano il 38,4% nel 2006). A partire dai 25 anni in poi l'utilizzo delle biblioteche diminuisce fino a toccare i livelli piu' bassi. Le donne preferiscono frequentare le biblioteche: sono il 17,2% rispetto al 12,9% dei maschi. Le differenze di genere diventano minime tra i bambini tra i 6 e i 10 anni e oltre i 65 anni. el Nord-Est la frequenza delle biblioteche e' piu' alta (il 22,1%), seguita dal Nord-ovest con il 20% mentre il Centro si attesta al 13,3%. Inferiori il Sud con il 7,6% delle frequenze e le Isole con il 10,4%. In particolare il risultato delle Isole e' dato da due situazioni diverse: in Sicilia la quota e' dell'8%, mentre in Sardegna e' piu' del doppio, ovvero il 18,1%. Dove si trovano? A Bolzano il 35% dei cittadini frequenta le biblioteche che sono anche molto diffuse: 43,5 ogni 100.000 abitanti. Al contrario in Campania dove c'e' una piu' bassa percentuale di frequentatori (ovvero il 6,6%) ci sono meno biblioteche (sono 16,6 ogni 100.000 abitanti). Perche' si va in biblioteca? Il 42% le frequenta per motivi di studio e/o lavoro e il 39,2% nel tempo libero.

Gli uomini preferiscono le frequentare per motivi di studio o lavoro (45,4% rispetto al 39,6% delle femmine) mentre le donne scelgono le biblioteche per motivi legati al tempo libero (40,1% rispetto al 37,8% dei maschi). Anche i bambini tra i 6-10 anni scelgono la biblioteca per il tempo libero. Con il crescere dell'eta', dagli 11 anni in poi, aumenta l'utilizzo per motivi di studio e lavoro. Dai 25 anni in poi, al contrario, e' prevalente l'utilizzo per il tempo libero. La biblioteca e' scelta dal 60,1% delle persone per prendere in prestito i libri, che diventa il 67,4% delle persone nel Nord Italia. Il 38,9% la sceglie per leggere e studiare, nel Sud Italia diventa una persona su due (ovvero il 49,6%). Il 27,8% la sceglie per raccogliere informazioni. Sono inferiori le scelte per consultare quotidiani e riviste (9,8%), prendere in prestito materiale audiovisivo (9,3%) e consultare i cataloghi (9,2%), mentre per l'8,5% delle persone e' una meta per incontrare gli amici. In particolare sono il 15,7% dei ragazzi tra i 15 e 19 anni a frequentare la biblioteca per questo motivo. I giovani tra i 20 e i 24 anni, invece, la utilizzano per leggere e studiare (75,9%) o per raccogliere informazioni (40,4%). Quanto sono frequentate? La maggior parte delle persone (ovvero il 55,9%) si recano in biblioteca 1-5 volte all'anno mentre uno su tre (il 32,3%) ci e' andato 10 o piu' volte. Le donne sono piu' assidue. In particolare nella fascia di eta' tra i 20-24 anni una donna su due (ovvero il 54,4%) e' andata in biblioteca 10 o piu' volte. "I dati che danno in crescita la partecipazione, soprattutto dei piu' giovani, - ha detto Ricardo Franco Levi, presidente dell'Associazione Italiana Editori - sono incoraggianti. Resta comunque la necessita' di aiutare le biblioteche con le giuste risorse finanziarie per sostenere e incentivare la lettura. Scuole e biblioteche sono fondamentali per far ripartire la lettura". "Le biblioteche sono luoghi della comunita' e strumenti di crescita culturale e partecipazione - ha commentato Rosa Maiello, presidente dell'Associazione Italiana Biblioteche - a condizione che siano aperte, dispongano di risorse e professionalita' adeguate e rispondano ai bisogni dal pubblico. In Italia manca una legge nazionale sulle biblioteche che possa essere il riferimento per una politica coordinata di investimenti strutturali". 

Tags:
biblioteca italianiitaliani bibliotecaitaliani libri bibliotecalibri biblioteca italiani
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.