A- A+
Culture
Linee ferroviarie dismesse e stazioni abbandonate diventano "musei"

di Mariella Colonna

Le linee ferroviarie dismesse e le stazioni abbandonate, in Italia, sono circa 1700 e sono gestite a distanza grazie all'utilizzo di dispositivi informatici per essere al passo con l'evoluzione tecnologica in atto, ma esposte agli atti vandalici incontrollati. Per evitarne il degrado ulteriore (il saccheggio è già avvenuto) le Ferrovie dello Stato le mette a disposizione di Comuni e associazioni - tramite contratti di comodato d'uso gratuito - con il solo impegno di tenerle pulite, agibili e funzionanti.
Attualmente ne sono state assegnate 480.

Il Piano di riorganizzazione e riqualificazione di questo grande patrimonio in disuso prevede anche l'utilizzo socio-ambientale degli spazi. A tal fine, si sono siglati protocolli d'intesa con la Regione Toscana, Legambiente, AITR (Associazione Italiana Turismo Responsabile), CSVnet (Centri di Servizi per il Volontariato), Legacoop Sociali, per avviare progetti che abbiano ricadute sociali sul territorio. Ne è un esempio la stazione di Ronciglione trasformata in casa di accoglienza per famiglie con bambini affetti da malattie oncologiche gestita dall'associazione Cuore di Mamma. 

Fanno parte del patrimonio FS anche 3mila chilometri di linee ferroviarie dismesse, di cui 325km il Piano intende destinare a piste ciclabili e percorsi verdi accessibili a tutti e riservati alla mobilità dolce. Obiettivo del Gruppo FS è il coinvolgimento del ministero dell'Ambiente, delle Regioni, degli Enti locali, delle associazioni ambientaliste, affinchè colgano questa opportunità e si impegnino per la rinascita di strutture che possono essere trasformate in centri di aggregazione nei quali coltivare la socialità, aspetto della vita dell'individuo che oggi sembra sopraffatta dallo strapotere della solitudine tecnologica. Un progetto di greenways urbana si sta realizzando - per fare un esempio - a Roma sul tracciato della ex ferrovia Roma/Cesano.

Il report 'Le stazioni impresenziate sulla rete ferroviaria italiana. Definire il fenomeno per definire le opportunità' di Tortorella/Coltellese consultabile sul sito di Fs, ne propone la riqualificazione a fini turistici e sottolinea che recentemente il Dipartimento nazionale del Turismo ha stilato un piano multiregionale per rilanciare il settore nel Mezzogiorno finanziando con circa 530miliardi 447 progetti ecocompatibili a condizione che non contribuiscano all'ulteriore cementificazione.

Tags:
musei
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo


casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.