A- A+
Culture

 

IL MONDO CULTURALE AL VOTO: LO SPECIALE

 

Carofiglio ad Affaritaliani.it: "Il centro-sinistra ha comunicato male in campagna elettorale..."
 

L'INTERVISTA A CALDO ALL'EX SENATORE DEL PD/ Su Affaritaliani.it lo scrittore Gianrico Carofiglio dà un duro giudizio sulla campagna elettorale del centro-sinistra: "Premetto che Bersani, che ho votato, politicamente e personalmente ha tutta la mia stima, ma in questa campagna elettorale il Partito Democratico ha commesso errori gravi sul piano comunicativo. Condivido totalmente la scelta politica di Bersani di dire - con sobrietà - la verità agli italiani, ma trovo che il modo in cui la verità è stata detta, sia stato gravemente deficitario. Non è sufficiente avere buone ragioni, bisogna essere capaci di comunicarle in modo da emozionare, includere, persuadere. Tutti verbi, ci tengo a precisarlo, che non hanno nulla a che fare con mentire e manipolare...". Poi l'ex magistrato per la prima volta parla anche della sulla sua esperienza in Senato... (intervista pubblicata il 25 febbraio 2013)

 

ALLA VIGILIA DEL VOTO

 

L'editore Stefano Mauri (Gems-Messaggerie) ad Affaritaliani.it spiega per chi andrà (e per chi non andrà) a votare: "Spero che i 'cani da guardia' del Movimento 5 Stelle non diventino cani da salotto come coloro che li hanno preceduti..." - (intervista pubblicata il 22 febbraio 2013)

 

A pochi giorni dal voto, lo scrittore Aldo Busi dice la sua su Affaritaliani.it sulla campagna elettorale: "Voterò di sicuro Ambrosoli per la Regione Lombardia...". Parla di Berlusconi, Monti, Bersani, Grillo, Ingroia (dedica compresa) e della scarsa attenzione per la cultura da parte dei politici... Commenta anche le dimissioni del Papa e la propria candidatura al premio Strega con “El especialista de Barcelona” (Dalai) - (intervista pubblicata il 20 febbraio 2013)

 

LO SPECIALE

Scrittori, editori, editor, interviste, recensioni, librerie, e-book, curiosità, retroscena, numeri, anticipazioni... Su Affaritaliani.it tutto (e prima) sull'editoria libraria


di Antonio Prudenzano
su Twitter: @PrudenzanoAnton

lagioia

Il giorno dopo, lo scrittore Nicola Lagioia, è sì deluso dal risultato elettorale, decisamente meno positivo rispetto alle previsioni per il centro-sinistra, ma preferisce guardare con concretezza alle difficili settimane che ha davanti il Paese: "Mentre i mercati ci osservano, andranno prese delle decisioni importanti. Tra l'altro, il Parlamento dovrà anche eleggere il nuovo Presidente della Repubblica. Servirà grande responsabilità da parte di tutti i partiti. Ecco perché prima di esprimere giudizi sul Movimento 5 Stelle di Grillo preferisco aspettare quel momento. Spero che si dimostrino all'altezza. Di certo i grillini non vanno demonizzati, e non va data a loro la colpa della sconfitta". No, Lagioia, intellettuale da sempre vicino alla sinistra, non ha certo votato Grillo alle elezioni ma, intervistato da Affaritaliani.it, manifesta tutta la sua preoccupazione per il futuro dell'Italia.

L'autore di "Tre sistemi per sbarazzarsi di Tolstoj" (minimum fax, 2001),
"Occidente per principianti" (Einaudi, 2004) e "Riportando tutto a casa" (Einaudi, 2009) alla Camera ha votato Sel ("Ho apprezzato il lavoro di Cecilia D'Elia") e ha sostenuto Zingaretti alle Regionali del Lazio. E motiva il risultato inferiore alle aspettative del Partito Democratico con gli errori comunicativi commessi in campagna elettorale: "Mi trova d'accordo l'analisi di Gianrico Carofiglio - nel box a destra l'intervista allo scrittore ed ex senatore del Pd, ndr). Lagioia racconta: "Venerdì ho assistito personalmente agli ultimi due appuntamenti elettorali romani del Pd, all'Ambra Jovinelli, e del Movimento 5 Stelle, in piazza San Giovanni. I ruoli sembravano invertiti. E' pur vero che la Prima Repubblica ci ha insegnato che la sinistra riempiva sì le piazze ma poi perdeva alle urne... eppure, a livello simbolico i ruoli sembravano invertiti. Mentre il Pd restava chiuso in un teatro, seppur importante per la storia del centro-sinistra, Grillo parlava alle piazze e alla pancia del Paese. Il Partito Democratico, invece, incontrava gli intellettuali. Al popolo preferiva Nanni Moretti...

Per lo scrittore, "in campagna elettorale il Pd ha commesso più di un errore tattico. Ad esempio, ha anticipato troppo le Primarie. Se si fossero svolte un mese fa, l'entusiasmo sarebbe durato fino al voto...". Lagioia non ha problemi ad ammettere che "Bersani e i suoi dalle Primarie in poi, credendo - come al solito... - di aver già vinto, hanno smesso di fare campagna elettorale. E l'hanno pagato. Il segretario non può non promettere niente in campagna elettorale. Senza essere demagogico, senza fare come Berlusconi ma, al contrario, imitando Obama, Bersani avrebbe dovuto far sognare i suoi elettori".

Inoltre, secondo l'intellettuale "al centro-sinistra è totalmente mancato lo storytelling". E non solo: "Il Partito Democratico è stato incapace di far immaginare un futuro possibile agli italiani".

bersani vendola

Nicola Lagioia, editor della collana di narrativa italiana Nichel di minimum fax, negli ultimi anni è stato spesso "avvicinato" alla cosiddetta "primavera pugliese" e a Nichi Vendola, suo simbolo. Il leader di Sel, del resto, ha dato molto spazio alla cultura e alla creatività giovanile durante i suoi due mandati da Governatore, in Puglia. Pur vivendo, lavorando (e votando) a Roma da alcuni anni, Lagioia, barese, non ha certo dimenticato la sua Regione. E manifesta così tutta la sua amarezza: "Vendola non è più quello di un tempo. Da una parte l'alleanza con il Pd, dall'altra l'esercizio del potere, lo hanno cambiato. Vendola non ha retto l'urto. Tre anni fa avrebbe vinto le Primarie, perché il suo linguaggio era positivamente visionario. Ma la sua narrazione ha smesso di essere avvincente, il suo linguaggio è diventato ampolloso, quasi stucchevole".

Visti i risultati elettorali, quindi, per Lagioia la "primavera pugliese" è finita? "So solo che Vendola ha perso, e che farebbe bene ad ammetterlo. Quello della Puglia mi è sembrato proprio un 'no' a Vendola. Da una parte mi dispiace, perché ovviamente tra lui e il centro-destra preferisco decisamente il leader di Sel, ma mi fa arrabbiare che tutto il centro-sinistra non riesca ad ammettere pubblicamente la sconfitta".

Lo scrittore ed editor torna infine sulla preoccupazione manifestata all'inizio. "Non sarò certo io a consolare Bersani e Vendola, che ora raccolgono i cocci. Ripeto, mi interessa solo che tutti i partiti si dimostrino responsabili e che in questa fase pensino al bene dell'Italia. Il mondo ci sta guardando, la nostra fragilità spaventa le altre economie. Rischiamo di diventare la mina vagante...".

Tags:
nicola lagioiavendolabersanipdelezioni 2013nicola lagioia intervistagrillo
in evidenza
House of Gucci, guarda il trailer Jared Leto irriconoscibile. FOTO

Lady Gaga guida un cast stellare

House of Gucci, guarda il trailer
Jared Leto irriconoscibile. FOTO

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.