A- A+
Culture
Museo Diocesano mostra: il sacro nell’opera di Previati
Gaetano Previati La via del Calvario, 1912 - olio su tela Pinacoteca Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona APE

di Simonetta M. Rodinò

 

Sensibile all’influsso stilistico scapigliato e al colorismo manieristico, Gaetano Previati si orienta in seguito verso un cromatismo più lieve aprendosi al Simbolismo europeo per approdare infine al divisionismo, per l’autore espressione del colore rarefatto dal segno e steso con pennellate filamentose.

 

Del pittore di origini ferraresi il Museo Diocesano Carlo Maria Martini di Milano ospita da domani la mostra “Gaetano Previati (1852-1920). La Passione”, organizzata in collaborazione con i Musei Vaticani.

Sono esposte alcune opere di soggetti sacri, presenti nella produzione artistica dell’autore negli ultimi decenni dell’Ottocento e i primi due del successivo.

 

La piccola rassegna si apre con “La Via al Calvario”, tela da poco entrata a far parte delle collezioni del Museo per lascito testamentario, e visibile per la prima volta, affiancata da una seconda versione autografa dello stesso soggetto, proveniente dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Tortona.

 

In entrambi i lavori Previati elabora la sofferenza della Vergine: Maria appare al centro di un corteo, di cui non si scorgono né inizio né fine, che lentamente e a fatica sale dalla città di Gerusalemme verso il Golgota.  E’distrutta dal dolore e sembra sul punto di svenire, sorretta dall’abbraccio delle donne che la accompagnano.

 

Tensione e sentimento di dolore corale resi con pennellate allungate così da far ondeggiare le figure.

Se nel primo quadro - più intenso e d’impatto - l’atmosfera è terrosa e la luce calda, il secondo è rischiarato nelle tonalità in cui “gridano” i bianchi e il turchese del cielo.

 

Nelle due sale successive sono presentate l’intera “Via Crucis”, dai profondi rossi, realizzata tra 1901 e 1902, dalla Collezione di Arte Contemporanea dei Musei Vaticani, recentemente restaurata, oltre alle 14 riproduzioni fotografiche, ritoccate a punta d’argento dallo stesso Previati, conservate nella chiesa dei SS. Quirico e Paolo a Dogliani (Cuneo)

 

“GAETANO PREVIATI (1852-1920). LA PASSIONE”

Museo Diocesano Carlo Maria Martini - Milano (ingresso da piazza Sant’Eustorgio 3)

20 febbraio - 20 maggio 2018

Orari: da martedì a domenica dalle 10 alle 18. Chiuso lunedì (eccetto festivi)

Biglietto Museo Diocesano + mostra: intero: 8 euro; ridotto individuale: 6 euro.

Infoline: 02 89420019

Catalogo Silvana Editoriale

www.museodiocesano.it

 

Tags:
museo diocesano mostra gaetano previatigaetano previati mostra museo diocesano
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida

Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.