A- A+
Culture
Santiago Sierra, mix di violenza, polemica e critica. La mostra
Santiago Sierra - OBJECT MEASURING 600x57x52 cm

di Simonetta M. Rodinò

 

Analisi su economica del mercato e leggi del capitale, sui diversi  tipi di capitalismo, di democrazia, sui diritti dell’uomo, sui concetti di uguaglianza, libertà, dignità e rapporti tra l’individuo e la società, sfruttamento, emarginazione … sono le tematiche che ricorrono nelle opere di Santiago Sierra.

Il 51enne artista madrileno è ospite  da domani al PAC Padiglione d'Arte Contemporanea di Milano con  “MEA CULPA”, la prima grande antologica in Italia. La rassegna, a cura di Lutz Henke e Diego Sileo, dal titolo un po’ ingombrante, ha come obiettivo l’interrogarsi sulla responsabilità dell’arte contemporanea e sul ruolo dell’artista che decide di lavorare con figure rappresentanti della nostra società: zingari, prostitute, rifugiati…

Messaggi forti, diretti,  spesso molto provocatori in cui mescola violenza, polemica e critica. L’autore spagnolo vuole stupire? Forse esorcizzare? Fare riflettere sul disagio esistenziale? O solo documentare una realtà violenta? Perché crude sono le sue opere.

Sculture, fotografie, opere filmiche, installazioni, oggetti esposti rappresentano il lavoro di oltre trent’anni.

Da  “Riga di 250 cm tatuata su 6 persone retribuite”, dove  sei giovani cubani disoccupati in piedi uno accanto all’altro  si sono ritrovati con una linea continua tatuata sul dorso per il corrispettivo di 30 dollari a “Riga di 160 cm tatuata su 4 persone”, dove quattro prostitute tossicodipendenti accettano di farsi tatuare una linea sulla schiena in cambio del prezzo di una dose di sostanza stupefacente; dal “Graffito più grande del mondo”, in cui le lettere S.O.S., scavate nella sabbia del deserto del Marocco, davano voce alla disperazione di migliaia di persone allontanate per decenni dalla loro terra alla “Donna incappucciata seduta con il viso rivolto verso il muro”, lavoro performativo che nel 2003 Sierra, rappresentante della Spagna alla Biennale di Venezia, portò nel Padiglione murato. L’accesso era ammesso ai soli visitatori con passaporto spagnolo, una sorta di metafora della frontiera.

Oltre a video, fotografie in bianco e nero di grande e medio formato documentano le sue performance pubbliche.

“Santiago Sierra. Mea Culpa”

PAC - Via Palestro, 14 – Milano

29 Marzo 2017 - 4 Giugno 2017

Infoline:  02 8844 6359

Orari: mercoledì, venerdì, sabato e domenica 9.30- 19.30; martedì e giovedì 9.30 - 22.30  chiuso lunedì

Ingressi: intero € 8,00 - ridotto € 6,50

www.pacmilano.it

Tags:
santiago sierrasantiago sierra mostra
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
La nuova Peugeot 308 diventa premium

La nuova Peugeot 308 diventa premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.