A- A+
Culture
Scultura, Alik Cavaliere e il suo universo verde. La mostra
Alik Cavaliere L'abete 1967 bronzo acciaio cm 59x86x78 0 ape

di Simonetta M. Rodinò

Pareti di ferro e bronzo, gabbie, specchi, lastre di vetro trasparenti che racchiudono  personaggi  abitano silenziosamente  nella Sala delle Cariatidi, un gioco di specchi negli specchi, all’interno di un’atmosfera sospesa.

Sono alcune delle opere realizzate da Alik Cavaliere, esposte a Palazzo Reale di Milano nell’antologica “Alik Cavaliere. L’universo verde”: un omaggio che la città rende all’artista romano di nascita ma che compì i suoi studi nel capoluogo lombardo, dove per vent’anni ebbe la cattedra di scultura all’Accademia di Brera.

Molti i soggetti affrontati nella sua speculazione artistica -  come si vede nelle altre sedi della mostra (il Giardino di Palazzo Reale, il Museo del Novecento, il Centro Artistico Cavaliere e la Sala-Ristorante dell’Università Bocconi, cui si affiancano i focus a Palazzo Litta e alle Gallerie d’Italia) - , “ma il tema della natura, nei suoi aspetti di rigoglio e sofferenza, espansione e costrizione, è il cuore di tutto il suo lavoro”, afferma la curatrice della rassegna Elena Pontiggia.

 

Piccoli arbusti, foglie larghe di cavolfiori coltivati in orti di periferia, enormi erbe matte che crescevano nelle discariche, pigne o rami, trovati nel parco Ravizza, vicino al suo studio, o nel suo giardino, ma anche piccole rose diventano quasi per magia bronzi del suo universo verde.

Sculture ricche di fantasia e mitologia, impregnate di evocazioni del pensiero classico e cariche di quell’ironia derivante dal Dadaismo e dal Neodadaismo cui attingeva.  Ma anche raccolte dalla cultura ebraica e russa instillatagli dalla madre, emigrata in Italia dopo la Rivoluzione.

 

Ecco “Grande pianta. Dafne”, tratta dal mito di Apollo e Dafne narrato nelle Metamorfosi di Ovidio, che ritrae la figura femminile avvolta da un intrico di rami: l’uomo che vuole prevalere sulla natura che però prende la propria rivincita.  Perché la natura anche se in gabbia si ricrea continuamente, sfuggendo a ogni cattura.  Il tema della natura introduce anche il tema della libertà.

Oppure “Omaggio a Magritte”, in cui su una lastra colore dorato con la dicitura a pungolo dello stesso Cavaliere ritratto di una mela ranetta sono posate una rosa e una mela. E ancora…

 

La scultura per l’artista, mancato 72enne venti anni fa a Milano, non è tanto  un oggetto definito,   quanto un articolato complesso di relazioni che costituiscono il vero significato dell’opera.

Amico dei personaggi della Milano colta, tra cui il gallerista Arturo Schwarz, i pittori Enrico Baj, Emilio Tadini, Gianni Dova, Lucio Fontana, intellettuali come Umberto Eco, scrittori come Dario Fo…, giocava a scacchi con Marcel Duchamp, quando il maestro franco-americano si trovava a Milano.  Non prese parte ad alcun movimento o corrente, preferendo un lavoro svincolato anche dalle gallerie.

 “Alik Cavaliere. L'universo verde”

Palazzo Reale - Sala delle Cariatidi e Giardinetto - Piazza Duomo 12 - Milano

27 giugno - 9 settembre 2018

Orari Lunedì 14:30 - 19:30. Martedì, mercoledì, venerdì e domenica 9:30 - 19:30. Giovedì e sabato: 9:30 - 22:30.

Ingresso libero

Catalogo Silvana Editoriale

www.palazzorealemilano.it

Iscriviti alla newsletter
Tags:
alik cavaliere mostramostra alik cavaliere
in evidenza
Manchester United-Atalanta dove vederla: le news

Champions show

Manchester United-Atalanta dove vederla: le news

i più visti
in vetrina
Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%

Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%


casa, immobiliare
motori
nuovo Honda HR-V, rigorosamente ibrido

nuovo Honda HR-V, rigorosamente ibrido


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.