A- A+
Culture
Spazio, è morto Giovanni Bignami: l'astrofisico che rese "facile" la scienza

Spazio: e' morto l'astrofisico Giovanni Bignami

 

Addio a Giovanni Bignami, astrofisico, pioniere di nuove astronomie dell'invisibile. Aveva 73 anni. E' stato Presidente della Agenzia Spaziale Italiana e dell'Istituto Nazionale di Astrofisica e ha diretto il maggior Centro di Studi Spaziali di Francia, Paese che gli dato la Legion d'Onore. Ha scritto una decina di libri di comunicazione scientifica, tradotti in sette lingue. Collaborava con diverse testate giornalistiche e aveva un blog su Agi.it. Alla RAI lavorava, tra l'altro, con Piero e Alberto Angela. Gli era stato dedicato l'asteroide 6852 Nannibignami scoperto nel 1985. 

 

Bignami: grande astrofisico che rese "facile" scienza

 

Un astrofisico di fama mondiale, uno scienziato creativo e un eccezionale divulgatore scientifico. E' stato tutto questo Giovanni Fabrizio Bignami, morto ieri a 73 anni. Nato a Desio, nella provincia di Monza e Brianza, il 10 aprile del 1944, Bignami si era in Fisica nel 1968 all'Universita' di Milano, nel gruppo del celebre Giuseppe Occhialini. Da allora si e' occupato di ricerca spaziale e la sua carriera e' subito iniziata a decollare. Dal 1988 al 1997 e' stato principal investigator della missione XMM-Newton dell'ESA. E' stato professore ordinario di Astronomia e Astrofisica presso lo IUSS di Pavia. E' noto a livello internazionale soprattutto per il lavoro ventennale che porto' all'identificazione della prima stella di neutroni senza emissione radio, Geminga. Dal 1997 al 2002 e' stato anche direttore scientifico dell'Agenzia Spaziale Italiana dove ha avviato, tra l'altro, il programma di piccole missioni dell'Asi. Dal 2003 al 2006 è stato direttore del Centre d'Etude Spatiale des Rayonnements a Tolosa, uno dei centri spaziali piu' importanti di Francia. Il 16 marzo 2007, il Consiglio dei ministri lo ha nominato presidente dell'Asi. Nell'agosto 2010 il MIUR lo ha nominato presidente dell'Inaf, l'Istituto nazionale di astrofisica, dove e' rimasto in carica fino all'ottobre 2015. Attualmente ricopriva la carica di presidente del consiglio di amministrazione del progetto Ska e di professore ordinario di Astronomia e Astrofisica presso lo Iuss di Pavia. Tra i suoi meriti quello di esser stato un grande divulgatore scientifico, collaborando con diverse testate. E' stato anche uno dei primi blogger che hanno aderito al progetto di AGI, Blog Italia, insieme a sua moglie Patrizia Caraveo, attuale direttrice dello Iasf di Milano, una delle strutture dell'Inaf. E' stato autore di numerosi libri. Nella sua lunga carriera ha ricevuto numerosi riconoscimenti. A lui e' stato dedicato un asteroide, il 6852 Nannibignami. Nel 2004 ha ricevuto dall'Accademia dei Lincei il premio quadriennale per l'Astronomia del Ministero dei Beni Culturali della Repubblica Italiana, nel 2000 e' stato nominato Officier de l'Ordre National du Merite de la Republique Francaise, mentre nell'aprile 2006 e' stato nominato Officier de la Legion d'Honneur per meriti scientifici. "Si tratta di una grave e inaspettata perdita per la Comunita' - ha commentato Nichi D'Amico, presidente dell'Inaf - un personaggio e un amico autorevole, un instancabile artefice di tanti successi dell'astrofisica italiana".

Tags:
giovanni bignamigiovanni bignami astrofisicogiovanni bignami morto
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.