A- A+
Culture

di Lucilla Noviello

Il titolo di questo spettacolo, Qui e ora, scritto e diretto da Mattia Torre, enuncia immediatamente il significato di ogni testo spettacolare che si esprime nella sua unicità e trova la sua completezza solo nel momento in cui avviene: sul palcoscenico. Quello è il luogo, il mondo dove Valerio Mastandrea e Valerio Aprea, uniti non solo dall’omonimia ma soprattutto da una armonica bravura, esprimono la loro recitazione naturalistica come un esempio quasi perfetto di ritmi, accordi e scambi fisici all’interno di un’opera che la sapienza teatrale di Torre ha saputo rendere leggera e contemporaneamente interessante.

Qui e ora Ringraziamenti foto di Roberto Salgo APE

I protagonisti, avvicinati da un incidente stradale che li coinvolge con i loro scooter, sono diversi per storia culturale e affettiva. Eppure appartengono entrambi all’universo semantico dell’autore e regista che, attraverso di loro, gioca non solo con il linguaggio verbale – come ci ha abituato fin dalle sue precedenti opere teatrali e non in poi – ma anche con quello fisico e mimetico. Mastandrea, lontano dalle scene teatrali da qualche anno, si muove sul legno artistico come se da lì non fosse mai sceso e Aprea prosegue il suo percorso con altrettanta ironia. Entrambi sono divertenti e sarcastici; delusi e feriti: non solo nel corpo e a causa dell’incidente, ma da un’esistenza la cui unica finalità sembra essere compiacere una madre – nel caso dell’uno – o raccontare radiofonicamente il miglior modo di cucinare, mangiare o addirittura elevare il cibo a dio del giorno, per l’altro.

 

Mastandrea 4
 

Ma nella loro area solitaria nessuno arriva a salvarli: né un’ambulanza né un qualsiasi altro deus ex machina, neppure piccolo. Solo loro, a farci ridere, a farci pensare che la morte può essere un caso che non ci redime ma ci rende ancora più ridicoli, che la comunicazione non è sempre un mezzo per trasmettere amore, che la felicità è qualcosa su cui indagare è complicato, delicato, a volte impossibile. Ma con una leggerezza che è un soffio, un alito, dura lo spazio di una battuta, e ci fa stare bene, nonostante tutto e incredibilmente. Qui e ora, scritto e diretto da Mattia Torre con Valerio Mastrandrea e Valerio Aprea, Teatro Ambra Jovinelli di Roma dal 14 febbraio al 3 marzo e poi in tourneè in tutta Italia.

Tags:
teatrorecensionelucilla noviello
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.