A- A+
Culture
Tecnosistem e Federico II insieme per rigenerare il rione Sanità a Napoli

Negli ultimi sette anni Napoli ha visto crescere il proprio flusso turistico da 400mila a 9 milioni di visitatori ed anche realtà fino a poco tempo fa completamente fuori dai circuiti come le Catacombe di San Gennaro, passate da poco più di 4mila agli attuali 120mila visitatori l’anno, situate con altri luoghi si sepoltura di età greco-romana nel rione Sanità. Si tratta di dati lusinghieri che fanno da preludio a trasformazioni strutturali e proprio per questo si fa urgente un ripensamento di snodi, arterie, collegamenti, infrastrutture materiali e immateriali allo scopo di progettare nuove configurazioni urbane all’insegna di una maggiore vivibilità e sostenibilità ambientale. Dare un significativo contributo in tal senso, rigenerare sotto il profilo urbanistico un quartiere tra i più antichi della città, è l’obiettivo della collaborazione avviata tra il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” (Diarc) e Tecnosistem, la più grande società di ingegneria del Mezzogiorno, unica in Italia a partecipare allo sviluppo di progetti sia in campo infrastrutturale/edilizia e sia nei settori dell’aerospazio, dell’automotive, del ferroviario e della difesa.

La collaborazione Tecnosistema-Federico II: gli obiettivi

La partnership parte dal fatto che pur avendo una rete di trasporto su ferro tra le più estese del Paese e numerosi nodi d’interscambio con il sistema su gomma, la rete non è in grado di governare i cambiamenti che in questi anni stanno investendo gli spazi cittadini. Soprattutto in quartieri, come la Sanità, oggi congestionata ed esclusa da efficienti ed efficaci sistemi di mobilità. Negli ultimi anni, visto l’incremento dei flussi turistici verso questo quartiere e Capodimonte, progettisti ed amministratori hanno formulato diverse proposte, tra cui l’ipotesi per la realizzazione di un nuovo svincolo della tangenziale di Napoli nell’area intorno alla Salita Scudillo; un ascensore per collegare il cuore degli ipogei alla città alta; un bypass tra la stazione dell’Alta Velocità di Afragola e piazza Cavour via Capodichino; un nuovo accesso alla fermata Materdei della metro urbana Linea 1, direttamente dal quartiere Sanità.

Da anni -afferma Pasquale Miano, professore di Composizione architettonica e urbana della Federico II e responsabile della partnership avviata tra il Dipartimento e la Tecnosistem- lavoriamo sulle potenzialità di connessione e di miglioramento delle condizioni di vita. I nodi propulsivi di rigenerazione dello spazio aperto contemporaneo -continua Miano- sono costituiti da grumi funzionali e aggregativi quali scuole, ospedali, parchi e in particolare dalle stazioni della metropolitana, che potrebbero essere connesse a punti di scambio per la mobilità dolce. Tali polarità possono rappresentare nuovi punti di sperimentazione e di aggiornamento e divenire veri e propri nodi di salubrità all’interno del tessuto urbano congestionato e “malato”. La strategia propone di innestare funzioni rinnovate soprattutto per quelle aree oggi ancora escluse dalla città. La vera sfida è quella di saperle mettere a sistema, in un’ottica costruttiva del progetto, che riesca a radicarsi nel territorio e soprattutto nella contemporaneità delle azioni in corso e programmate nell’ambito dello sviluppo della città dal punto di vista trasportistico e urbano”.

Tecnosistem -afferma Salvatore Rionero, amministratore delegato di Tecnosistem (nella foto)- è da sempre coinvolta nello sviluppo dei maggiori progetti infrastrutturali connessi al trasporto sia a Napoli che in Campania, tutti avviati molti anni or sono ed oggi finalmente in dirittura di arrivo. Nel mentre, le dinamiche sociali ed economiche stanno già trasformando la domanda di mobilità, cui bisogna dare risposte urgenti e concrete, ossia realizzabili nel ristretto quadro economico/finanziario attuale. Noi pensiamo sia possibile farlo utilizzando una visione sistemica, in grado di innestare le opportunità offerte dalle preesistenze in un nuovo modo di pensare la mobilità, il tutto anche grazie all’utilizzo di tecnologie smart.  È questa la consapevolezza che ci ha spinti a investire in questa collaborazione, secondo uno schema già adottato in altre occasioni con successo: fare sintesi tra le nostre competenze ed esperienze ingegneristiche, la frontiera della conoscenza posseduta dalle università e le energie di giovani professionisti”.

 

Commenti
    Tags:
    quartierecatacombecapodimontemetropolitana
    Loading...
    in evidenza
    Antonella Elia torna nella Casa Cast: Gregoraci, Mattera e...

    Grande Fratello Vip 5 news-rumors

    Antonella Elia torna nella Casa
    Cast: Gregoraci, Mattera e...

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo: weekend di Ferragosto bollente con l'anticiclone superstar

    Previsioni meteo: weekend di Ferragosto bollente con l'anticiclone superstar


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel Kadett Impuls I, progenitore di Opel Corsa-e

    Opel Kadett Impuls I, progenitore di Opel Corsa-e


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.