A- A+
Culture
"Un affare di famiglia", come sostenere il passaggio generazionale in azienda

Parte da Napoli la seconda edizione di “Un affare di famiglia”, il progetto promosso dagli under 40 di Confindustria e dalla Luiss Business School con l’obiettivo di premiare i giovani imprenditori che hanno compiuto un passaggio generazionale di successo, coniugando nella loro attività aziendale tradizione ed evoluzione tecnologica. L’iniziativa si rivolge ai giovani imprenditori italiani, almeno di seconda generazione, che negli ultimi cinque anni abbiano acquisito ruoli amministrativi nell’impresa gestita dai propri ascendenti in linea retta. I candidati al premio verranno valutati da una giuria composta da rappresentanti del mondo accademico e imprenditoriale attraverso criteri oggettivi e parametri concreti, come l’incremento del fatturato, l’aumento dei dipendenti, l’ampliamento degli stabilimenti produttivi o dei laboratori, la crescita all’estero e degli investimenti in “Industria 4.0” o in ricerca ed innovazione. Il passaggio generazionale è un tema di grande attualità ed interesse per il tessuto imprenditoriale italiano, composto nel 95% dei casi da piccole e medie imprese di cui il 90% di queste è a conduzione familiare. Ma il “Paese non sempre apre le porte alle nuove idee e alle nuove competenze. Non pensa di rinnovare la propria struttura, che omette di sostenere le giovani leve in questo cambiamento che rappresenta il momento cruciale nella vita dell’azienda”, afferma Alessio Rossi (nella foto), presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria. “E’ un processo che gestiamo con difficoltà perché spesso i fondatori sono coloro che creano l’azienda e poi la distruggono, attaccati al loro ambiente senza trasmetterla né ai manager né ai figli. E’ un problema culturale che dobbiamo superare e cercare di farlo anche con queste iniziative”. E poi un fendente alla politica. “Ci troviamo di fronte ad un Parlamento con l’età media più bassa di sempre e ad un governo che si autoproclama “governo del cambiamento”. Ciononostante la legge di bilancio -sottolinea Rossi- si dimentica completamente dell’universo giovani e delle nuove leve imprenditoriali se non per qualche piccolo provvedimento”. Ma cosa serve oggi ad un giovane imprenditore per consolidare l'azienda di famiglia? “Le nuove generazioni -rileva Susanna Moccia, numero due del Gruppo Giovani di Confindustria- devono sicuramente portare know how, tecnologia, voglia di fare, di intraprendere e soprattutto senza arrendersi ai propri confini, mettendo cuore e testa. Perchè le aziende familiari hanno una base anche di cuore. Non bisogna mai dimenticare le origini ed il confronto. Oggi c'e' più tecnologia, innovazione e conoscenza. Bisogna saper dosare questi tre elementi, non spaventarsi, ma saper utilizzare anche i lati negativi, per trasformarli in positivi”.

Commenti
    Tags:
    napolifuorigrottadino
    in evidenza
    Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

    Sport

    Paola Ferrari in gol, sulla barca
    "Niente filtri". Che bomba, foto

    i più visti
    in vetrina
    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

    SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


    casa, immobiliare
    motori
    Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

    Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.