A- A+
Culture
Un italiano alle Canarie ci fa scoprire i conventi francescani

Di Chiara Giacobelli

 

Camerano – Angelo Monaldi non è un italiano in fuga: sebbene viva e lavori ormai da più di un anno a Gran Canaria, là dove l’inverno non arriva mai, sostiene di amare l’Italia e di volerci tornare, un giorno. Specialmente nelle sue Marche, di recente oggetto di studio di una pubblicazione che presenta un notevole valore sul piano tanto storico quanto culturale. È infatti uscito in libreria edito da Gwynplaine “Francescani nel Conero – Insediamenti minoritici nella zona del Conero tra storia e storiografia”.

Così, tra un bagno nell’oceano e l’altro, Angelo è tornato a casa qualche giorno per festeggiare il nuovo anno con la famiglia, ma anche per presentare la sua opera (con grande successo di pubblico) a Camerano e Ancona. Affari Italiani ha colto l’occasione per intervistarlo, raccogliendo la testimonianza di uno dei tanti giovani che decidono di trasferirsi – per un periodo, o per sempre – all’estero.

Angelo come nasce questo libro e di cosa parla esattamente?

“Deriva dalla mia tesi di laurea in storia medievale (lo so, siamo rimasti in pochi, soprattutto tra i giovani, a dedicarci allo studio della storia medievale) e parla dei conventi francescani di Ancona, Sirolo, Camerano e Castelfidardo, prendendone in esame origine e sviluppo.

Il punto fondamentale del libro è la differenza fra storia e storiografia: su questi luoghi esistono infatti tante leggende, la maggior parte delle quali legate a San Francesco, tuttavia se andiamo a vedere i documenti storici attualmente verificabili quello che emerge è ben diverso; nella maggior parte dei casi le leggende non trovano una conferma scritta. Nel mio saggio prima analizzo le dicerie attorno ad essi, poi tiro una riga e parlo di ciò che ci dimostrano invece i documenti”.

C’è un convento che ti ha appassionato più degli altri?

“Alcuni purtroppo non esistono più: il convento di Sirolo è attualmente una villa che si trova fuori dal paese, con soltanto un campanile superstite; a Camerano invece è rimasta la chiesa. Il più interessante è stato senza dubbio quello di Castelfidardo, perchè la ricerca mi ha portato a un documento del 1271 – quello riportato in copertina – attualmente custodito a Macerata: si tratta di un raro testamento dove compare la chiesa di Castelfidardo e quindi costituisce una testimonianza storiografica molto importante”.  

Quanti anni hai lavorato a questo importante progetto?

“Durante la tesi di laurea nel 2015, di cui questo libro costituisce un ampliamento, e poi quest’anno direttamente dalle Canarie”.

angelo monaldi
 

A proposito di Canarie, ci racconti questa esperienza che ti ha portato a lasciare l’Italia?

“Ho aderito a un progetto che si chiama Volontariato Europeo, possibile per tutti i giovani dai 18 ai 30 anni, da me ampiamente consigliato: tutte le spese sono rimborsate e si svolge un anno di lavoro all’estero. Nonostante io sia uno storico, la mia figura in questo caso era quella di produttore e creatore di eventi culturali, ludici, per il tempo libero. Alla fine del primo anno mi hanno proposto di rimanere e ho accettato”.  

Dunque un altro cervello in fuga?

“Il mio contratto scadrà a settembre del 2017 e sto ancora pensando a cosa fare dopo: al momento sto benissimo qua, ma penso che alla lunga vivere in un’isola potrebbe risultare noioso per me. Ci tengo a precisare che non sono scappato dall’Italia, vorrei tornarci a vivere un domani e amo immensamente la mia regione”.

Cosa vedi nel tuo futuro?

“La ricerca storica, ma mi piacerebbe anche insegnare storia e filosofia, oppure continuare nel campo della produzione e organizzazione di eventi: quest’ultimo è un lavoro che mi piace molto perché è creativo, ma purtroppo in Italia la creatività e la cultura non rendono molto. In Spagna non è così, anzi per contrastare la crisi stanno potenziando questi campi”.

Dove possiamo trovare il tuo libro?

“Nelle librerie della provincia di Ancona, oppure più facilmente su Ibs, Amazon e le altre piattaforme digitali”.  

 

 

Tags:
angelo monaldi canariefrancescani nel conero
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.