A- A+
Cura di sé
I sogni premonitori e il punto di vista quantico
Hai un problema con il partner, con il capo, con gli amici? Hai difficoltà nelle relazioni? Vuoi migliorare la tua comunicazione con gli altri? Se hai domande scrivi a pensieroquantico@affaritaliani.itC

Leggo spesso di sogni premonitori e di grandi pensieri legati a questo evento. Molte persone sostengono di vivere esperienze di questo tipo anche più volte nella vita; altri sono in grado di riempire fogli e fogli nello scrivere e raccontare di ciò. Non voglio sconvolgere nessuno ma dal  punto di vista del pensiero quantico, i sogni premonitori non possono esistere per il semplice fatto che il futuro non esiste ma viene creato, al pari della realtà forme di pensiero generate nel qui e ora. Questa affermazione è basilare per la comprensione del pensiero quantico e della fisica quantistica applicata alle energie cosmiche.

Oltre al fatto che il futuro non esiste va evidenziato che non esiste nessuna forma di “destino” correlato ad eventi del futuro in quanto ciò sarebbe in contraddizione con la definizione di libero arbitrio e con i principi della descrizione quantica dell'universo e della realtà che ci circonda. Il fatto che certi sogni, poi, in qualche misura possano divenire realtà è dovuto al fatto che ogni evento che possa essere pensato e descritto è collegato ad una certa probabilità che possa realmente accadere e considerando il grande numero di persone che ad una certa ora della notte dormono e sognano, per la legge dei grandi numeri (principio stocastico) è perfettamente normale che qualcuno si possa anche ritrovare in sintonia con qualche evento che può realmente accadere.

Per il resto è facile avvicinarsi a qualche evento considerando anche i meccanismi adattativi della mente e la creazione di sovrastrutture simboliche; ad esempio se sogno che ci sarà una catastrofe da qualche parte nel mondo e poi succede nei prossimi giorni un terremoto ecco che il sogno si è avverato. In realtà questo sogno dal punto di vista stocastico e quantistico ha grandi probabilità di diventare premonitore a causa della generalità delle indicazioni e del contesto planetario in atto presente; la parola catastrofe può essere attribuita ad una vasta serie di eventi naturali o provocati (guerre, terremoti, inondazioni, invasioni, decessi di massa, disastro aereo, ecc ecc) la generica localizzazione, o assente del tutto, aumenta il range delle probabilità e la non locazione temporale poi, rende il sogno quasi certamente premonitore. Tradotto vuol dire che, "ho sognato che da qualche parte nel mondo, non so dove non so quando, accadrà qualcosa di catastrofico..."  si traduce in un contesto estremamente generico da potere comprendere una vastissima serie di eventi; infatti basta sentire il vari TG e leggere un po di notizie per capire che ogni giorno nel mondo accade qualcosa di catastrofico.

Dunque cosa è il sogno premonitore? niente di più che un sogno strutturato simbolicamente verso un argomento specifico, di solito nefasto. L'inconscio comunica così con i territori emersi della nostra mente, con simboli ed archetipi e poi la nostra mente costruisce la scenografia, la sovrastruttura. Un vero sogno premonitore potrebbe essere quando qualcuno riuscirà a sognare, ad esempio, che alle ore 12 del 27 luglio 2014 il fiume Tevere strariperà facendo morire 23 persone di cui una si chiama xxxx yyyy allora si che questo potrebbe con alta probabilità essere considerato un sogno premonitore. L'approccio quantico, in verità, introduce anche un'altra spiegazione che propende a favore del sogno premonitore, ma più che premonitore si tratterebbe di un sogno creativo. Infatti, oltre che ragionare in termini probabilistici si può ragionare, sempre rimanendo in ambito quantistico, in termini di pensiero creativo. Come sappiamo il campo quantico originato dal nostro cervello è in grado di interagire con le vibrazioni energetiche degli stati quantici che costituiscono la realtà. Il campo quantico è in condizioni di mutare e di creare strutture reali. Ora, immaginate che un certo numero di persone simultaneamente pensino, o sognino, un evento a livello planetario e lo pensino in modo coerente, cioè quantico; questo pensiero è in grado di influire sul campo quantico collettivo e costruire l’evento o modificarne il percorso evolutivo verso un’altra direzione.

Questa proprietà del campo quantico viene definita come “Effetto Isaia”  ed ha una strutturazione matematica per la definizione – calcolo di una massa critica che esprima simultaneamente un pensiero coerente che possa diventare concreto in un evento reale. Infine esiste una teoria per quanto attiene i sogni premonitori che riguardano fatti personali legati ad eventi catastrofici su persone a noi care e vicine, come prevedere una malattia, una morte, un incidente, ecc.ecc.  In tale contesto è lecito ipotizzare che la funzione quantistica legata al campo di una persona cara, possa costantemente interagire con il campo quantistico personale arrivandone persino a percepire quelle variazioni energetiche che si originano in prossimità temporale di un evento catastrofico. In altre parole sembra possibile che un catalizzatore come l’amore (in senso molto generico) possa consentire ed attivare la percezione della variazione di campo della persona cara e questo è sufficiente perché il nostro inconscio possa elaborare una struttura simbolica onirica per la comunicazione a livelli superiori della memoria (sogno premonitore). A partire da tale spiegazione possiamo notare che la neurologia che fa riferimento alla scienza classica non può’ spiegare, ad un buon livello di completezza, la formazione di tali strati di memoria; mentre la “Teoria del Cervello Quantistico”, basata su l’entanglement quantistico e cioè’ sulla sovrapposizione  di stati quantici dei neuroni inclusi nel gap sinaptico , può’ svolgere un ruolo importante nella comprensione della complessa funzione mnemonica elaborativa del cervello e potrebbe costituire la base di una spiegazione del rapporto fra sogno premonitore vicino e realtà.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
meditazionestressansia
in evidenza
Juve, arriva una grande cessione E due colpi a parametro zero

Addio per finanziare Vlahovic

Juve, arriva una grande cessione
E due colpi a parametro zero

i più visti
in vetrina
Bargiggia vs Criscitiello: "Un mix imbarazzante, Er Faina e cosce"

Bargiggia vs Criscitiello: "Un mix imbarazzante, Er Faina e cosce"


casa, immobiliare
motori
Maserati Grecale, ultimi test estremi nelle radure svedesi

Maserati Grecale, ultimi test estremi nelle radure svedesi


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.