A- A+
Economia

Approvato a maggioranza, 14 a favore contro 10 contrari su 26 giornalisti coinvolti, l’accordo sindacale per il passaggio a Prs delle testate che Rcs MediaGroup ha deciso di cedere: Novella 2000, Visto, Ok Salute, Astra e polo enigmistica. L’intesa prevede la garanzia occupazionale di 24 mesi, il pagamento annuo forfettario di 5mila euro (a compensazione degli integrativi Rcs e dei benefit, auto compresa), la possibilità di cinque dimissioni incentivate con una cifra pari a 30 mensilità nette (equivalenti a 24 di costo lordo).

Inoltre, Rcs pagherà ai giornalisti il Tfr e le ferie arretrate accumulate. Prs, dal canto suo, si impegna ad avviare un corso sulla multimedialità e a pagare nel 2014 un premio di produzione (da definire). Proseguiranno nei prossimi giorni le trattative sindacali sulle altre testate che Rcs non ritiene ‘core business’ – A, Brava Casa, l’Europeo, Yacht & Sail, Max – e che ha intenzione di chiudere. Rimarrebbe il marchio Max.it sotto la direzione di Andrea Monti. (Primaonline.it - 10 luglio 2013)

Tags:
prsrcsperiodici

in evidenza
Diletta Leotta esce allo scoperto Sui social con Giacomo Cavalli

Il primo scatto con il compagno

Diletta Leotta esce allo scoperto
Sui social con Giacomo Cavalli


casa, immobiliare
motori
Toyota, rinnova l'app di mobilità intregrata KINTO Go

Toyota, rinnova l'app di mobilità intregrata KINTO Go

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.