A- A+
Economia
Alitalia-Etihad, firma imminente ma è rischio paralisi

Il personale di Alitalia che a partire da lunedi' scorso ha paralizzato il servizio di movimentazione bagagli presso l'Aeroporto di Fiumicino, secondo quanto apprende l'Agi, starebbe presentando all'azienda certificati medici per malattia in massa per la giornata di domani, giorno della firma dell'accordo tra la compagnia ed Ethiad. Una mossa improvvisa tesa a paralizzare i servizi aeroportuali.

"Lanci di agenzia parlano di certificati di malattia di massa per il personale di terra di Alitalia per domani, giorno della firma dell'accordo con Etihad. Ho definito vergognosi e incomprensibili gli scioperi bianchi di questi giorni che hanno creato gravissimi disagi ai turisti italiani e stranieri nei giorni di massima affluenza". Lo ha dichiarato il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi in una nota. "L'azione di domani, dicono le stesse agenzie, potrebbe - prosegue Lupi - portare alla paralisi dello scalo di Fiumicino. Se tutto cio' fosse vero non sarebbe accettabile ne' tollerabile. Ho chiesto al Ministro della Salute di attivarsi per provvedere a tutti i controlli del caso".

Domani ci sara' la firma per l'accordo Alitalia-Etihad. Al termine di una riunione a palazzo Chigi tra il Governo e i vertici della compagnia emiratina, una nota di palazzo Chigi informa che "l'incontro ha confermato l'esito positivo delle trattative con soddisfazione reciproca". E il Ministro dei Trasporti Maurizio Lupi annuncia: "Domani si firma". "Siamo molto contenti, abbiamo fatto un ottimo lavoro, oggi definiamo gli ultimi dettagli e domani si chiude - spiega Lupi - anche dopo i dati di ieri, questa e' una iniezione di fiducia per il Paese". Lupi ha inoltre spiegato che a settembre sara' presentato a Bruxelles un dossier che spieghera' "passo dopo passo" l'intesa raggiunta. "Sono comprensibili le reazioni dei concorrenti - ha sottolineato il ministro - ma siamo convinti che ognuno fara' la propria parte e anche l'Europa fara' la sua". "Una cosa e' la concorrenza - ha sottolineato ancora il ministro - altro e' usare l'Europa per evitare la concorrenza: questo non lo accettiamo". Il messaggio di Lupi e' ottimista: "Nel 2013 l'Alitalia ha perso 565 milioni ma nel 2017 c'e' la prospettiva di chiudere in pareggio". L'amministratore delegato della compagnia emiratina James Hogan, ha inoltre riferito Lupi, "e' venuto a comunicare che lo stato della trattativa e' molto avanti e positiva e che ha l'intenzione di fare domani una conferenza stampa per annunciare la firma dell'accordo". Lupi ha risposto di non essere preoccupato del futuro delle banche, attuali azioniste: "Le banche torneranno a fare le banche e torneranno altri azionisti. Ad oggi sono entrati anche dei piccoli azionisti e questo e' un bel segnale positivo che indica che si crede nel progetto industriale". Infuria intanto la polemica per i disagi a Fiumicino dovuti alla protesta dei lavoratori addetti allo smistamento bagagli: la protesta degli addetti ai bagagli a Fiumicino va considerato uno "sciopero selvaggio" e non sono escluse sanzioni: il Presidente dell'Autorita' di garanzia sugli scioperi, Roberto Alesse, ha scritto ai vertici di Alitalia, chiedendo "ogni informazione utile ad individuare i soggetti responsabili delle iniziative" di protesta del lavoratori addetti alla movimentazione bagagli a Fiumicino. Al termine dell'istruttoria, l¹Autorita' di garanzia valutera' l'apertura di un procedimento per l¹irrogazione delle sanzioni contro "quanti hanno causato gravi disagi all¹utenza, tra l¹altro nel corso delle franchigie estive, ovvero i periodi nei quali e' vietata ogni azione di sciopero nei servizi pubblici essenziali". Anche per il presidente dell'Enac Vito Riggio la situazione continua ad essere "inaccettabile".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
alitalialupifirmaethiad
i più visti
in evidenza
Mourinho furia contro Orsato Ma non per il rigore...

Juve-Roma, polemica continua

Mourinho furia contro Orsato
Ma non per il rigore...


casa, immobiliare
motori
Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie

Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.