A- A+
Economia
Bancari/ L'Abi tona a sedersi al tavolo con i sindacati. Riprendono le trattative sul contratto

di Andrea Deugeni
twitter11
@andreadeugeni

L'Abi e i bancari tornano a sedersi al tavolo delle trattative per il rinnovo del contratto. Secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it, il capo delegazione dell'Abi Alessandro Profumo ha ritirato infatti le pregiudiziali strutturali sugli scatti d'anzianità e su Tfr, gergo tecnico che significa in pratica che si riapre il negoziato dopo un lungo braccio di ferro che dura ormai settembre e che ha portato i sindacati a indire due scioperi nazionali. I primi nella storia dei lavoratori del credito. L'associazione che raggruppa le banche italiane ha appena convocato le sigle di rappresentanza dei lavoratori del credito per un incontro. Con un calendario, però, che deve essere ancora fissato per entrare nel merito della trattativa. L'Abi dimostra dunque di aver fatto un passo indietro dopo l'ultima protesta nazionale che ha coinvolto oltre il 90% degli addetti del settore.

Tags:
abisindacaticontrattiprofumo
i più visti
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni


casa, immobiliare
motori
Al Lingotto apre  “FIATCafé500”

Al Lingotto apre  “FIATCafé500”

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.