A- A+
Economia
Banche, quel vizietto delle fondazioni: torna la voglia di potere e cedole

Il lupo perde il pelo ma non il vizio: incassata la “messa in sicurezza” di Mps a spese dei contribuenti italiani e dei bondholder privati istituzionali, e mentre gli azionisti privati (Malacalza in testa) si preparano ad aprire nuovamente il borsellino per ricapitalizzare Banca Carige, il comparto bancario italiano e in particolare il segmento più a diretto contatto con la politica, ossia le fondazioni bancarie, sembra tentato dal tornare all’antico, quasi che le lezioni duramente apprese dalla crisi del 2008 prima e del 2011 poi non siano servite a nulla.

mps
 

Avere concentrato l’intero patrimonio o quasi solo nei titoli delle banche da cui le fondazioni si staccarono nel 1990 dopo il varo della legge Amato-Ciampi ha portato le stesse a subire perdite pesantissime e a polverizzare in alcuni casi la loro presenza nel capitale degli istituti, come accaduto in casa Mps (dove Fondazione Montepaschi, fino a pochi anni fa sopra il 55% del capitale dell’istituto senese, è scesa allo 0,1%) e Banca Carige (Fondazione Carige, ancora nel 2013 socia al 47%, ha ormai solo più lo 0,3% del capitale della banca ligure), per non parlare dei casi di Banca Marche, CariFerrara, CariChieti, CariCesena, Cr Rimini e Cr San Miniato (dove agli ex soci di controllo è rimasto solo il cerino in mano).

Un peso maggiore le fondazioni sono riuscite a conservarlo in Intesa Sanpaolo (Compagnia di San Paolo è ancora primo socio col 9,89%, Fondazione Cariplo è al 4,68%, Fondazione Cariparo al 3,24%, Fondazione Carifirenze al 2,63%, Fondazione Carisbo all’1,97% e una serie di altre fondazioni hanno poco più dell’1,3%) e almeno in parte in Unicredit (dove Fondazione Cariverona controlla l’1,8%, Fondazione Crt l’1,7% e Fondazione Roma lo 0,4%).

carigeCarige
 

Ma anche qui da “dominus” indiscusse (in Intesa Sanpaolo 10 anni fa le fondazioni controllavano oltre il 25% del capitale, in Unicredit sfioravano il 16%) hanno dovuto accettare l’ingresso nella stanza dei bottoni di nuovi azionisti privati, dai grandi fondi come BlackRock in Intesa Sanpaolo, o Mubadala Investment Company e Capital Research in Unicredit ad azionisti privati come i Malacalza in Banca Carige, in grado di nominare il top management e decidere come modificare il perimetro di attività degli istituti.

Nel mondo delle popolari, tuttavia, la tentazione di “tornare alle origini” (o rimanerci il più a lungo possibile) resta molto forte. Così mentre Gianni Genta, presidente di Fondazione Cassa di Cuneo (primo socio di Ubi Banca col 5,9% del capitale), preme per tornare da una governance “duale” ad una “monistica” come già ha fatto la stessa Intesa Sanpaolo, e a tal fine avrebbe già contattato alcuni altri grandi soci della banca lombarda, come il Monte di Lombardia (azionista al 5,2%), altre fondazioni socie non vedrebbero di buon occhio tale “innovazione”.

(Segue...)

Tags:
fondazionifondazioni bancariefondazioni azioniste banchepolitica fondazioni
i più visti
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.