A- A+
Economia
Benetton ha un rosso da 200 milioni. Ma Alessandro prende un maxi-compenso

Il gruppo Benetton ha chiuso l'ultimo esercizio in perdita per 199 milioni. Ma questo non ha impedito all'ex presidente Alessandro Benetton, fatto fuori a favore di Gianni Mion, di percepire un compenso lordo di 1,68 milioni di euro...

Come scrive Dagospia, un avvicendamento ai vertici che si è reso necessario a Ponzano Veneto anche perché il 2013 è stato un anno difficile: il gruppo, come svelato da "Affari & Finanza", ha chiuso l'esercizio in perdita per 199 milioni e con ricavi in calo a 1,6 miliardi dagli 1,8 del 2012.

Si tratta del secondo rosso della storia per Benetton, che prova a rilanciarsi con la suddivisione dell'attività in tre settori di attività. Ma Alessandro Benetton, che resta comunque nel cda del gruppo, non ha lasciato il gruppo a mani vuote: nel 2013, come emerge dal bilancio, ha ricevuto dal gruppo un compenso lordo di 1,68 milioni di euro.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
benettonrosso
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design

Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.