A- A+
Economia
Bitcoin, cresce l’interesse delle banche per le criptovalute e la blockchain

Bitcoin, il nuovo record storico sfiora i 58mila dollari 

Mentre il Bitcoin raggiunge il suo massimo storico per l'ennesima volta, sfiorando i 58000 dollari, aumenta il numero di grandi banche d'investimento e fondi istituzionali, che cominciano a vedere nelle criptovalute un valido asset su cui investire.

Bitcoin, i big che investono nelle criptovalute 

Ultimo in ordine di tempo, Jeffrey Gundlach, uno dei principali investitori americani in oro, che ha affermato due giorni fa che il bitcoin - e non l'oro - potrebbe essere il prossimo grande stimolo del mercato. Gundlach, fondatore ed amministratore delegato di DoubleLine Capital, ed inserito di recente dalla rivista Bloomberg markets fra i 50 più influenti finanzieri americani, ha perciò fatto capire che il Bitcoin potrebbe davvero rappresentare la prossima riserva di valore al posto del più tradizionale oro.

A gennaio, invece, BlackRock ha aggiunto il bitcoin futures come potenziale investimento per due dei suoi fondi, secondo i documenti depositati presso la Securities and Exchange Commission. I fondi sono BlackRock Strategic Income Opportunities e BlackRock Global Allocation Fund. A dicembre, il Ceo Larry Fink aveva osservato che la criptovaluta più popolare al mondo sta assistendo a movimenti consistenti su base giornaliera e questo potrebbe essere un segnale da tenere in grande considerazione per il futuro anche da parte di investitori istituzionali.

Rick Rieder, chief investment officer dell'azienda, aveva invece dichiarato a Bloomberg ai primi di Febbraio che” c'è una chiara domanda di bitcoin, che farà parte della suite di asset per gli investitori per molto tempo. La mia sensazione è che la tecnologia si sia evoluta al punto in cui molte persone ritengono che essa dovrebbe far parte del portafoglio, quindi è questo che fa salire il prezzo". Rieder aveva già parlato positivamente del potenziale del bitcoin, dicendo a CNBC a novembre che Bitcoin potrebbe prendere il posto dell'oro in larga misura. "Penso che la valuta digitale e la ricettività - in particolare la ricettività dei millennial - della tecnologia e della criptovaluta siano reali".

Diverse altre istituzioni finanziarie, come BNY Mellon e Mastercard, sono entrate nello spazio crittografico negli ultimi giorni. BNY Mellon, la banca più antica della nazione, lancerà un'unità di risorse digitali entro la fine dell'anno, mentre Mastercard intende supportare alcune criptovalute sulla sua rete formale.

Ad Ottobre del 2020 era stata la volta di Paypal ad inserire le criptovalute nel  proprio circuito di pagamenti digitali. Elon Musk, fondatore di Tesla ha annunciato la scorsa settimana di aver acquistato bitcoin per un valore di $ 1,5 miliardi utilizzando contanti sul suo bilancio e intende iniziare ad accettare la moneta digitale come pagamento per i suoi prodotti. 

Bitcoin, dallo "scherzo" al nuovo oro online 

Fa abbastanza specie sentire queste affermazioni pensando che solo un anno fa tutte le principali banche d'affari di Wall Street ritenevano il Bitcoin alla stregua di uno scherzo o poco più. Quando Bitcoin iniziò nel 2009, tutte le principali banche di investimento, infatti, dissero che era un fallimento e che non sarebbe stato saggio investire in esso. Anche il guru finanziario Warren Buffett aveva detto più volte che era un rischio enorme, paragonando la criptovaluta a una piazza avvelenata. Oggi, invece le grandi banche stanno iniziando a entrare nella mania della criptovaluta e della blockchain.

Il modo tradizionale di fare soldi e investire in attività è cambiato e molte grandi società finanziarie lo riconoscono. Goldman Sachs, JP Morgan e molti altri grandi attori finanziari, hanno creato dipartimenti basati interamente sulla previsione della criptovaluta, e molte di esse stanno lavorando alacremente a progetti di proprie criptovalute. Steve Chiavarone, portfolio manager presso Federated Investors che gestisce 392 miliardi di dollari, ha detto a Cnbc, la scorsa settimana, che la blockchain aprirà la strada e alla fine creerà la quarta rivoluzione industriale.

Bitcoin, l'importante uso della blockchain

Per questo motivo Federated Investors ha iniziato a promuovere l'uso della tecnologia blockchain presso i loro grandi clienti conglomerati.” Prevedo che qualsiasi azienda che investe in progetti blockchain di qualità avrà rendimenti quasi immediati. Ciò si basa sul fatto che le principali società estere hanno già iniziato a proteggere la propria azienda e le proprie risorse utilizzando la blockchain”. Anche i governi di alcuni paesi, ad esempio il Messico, hanno iniziato a testare la blockchain come un modo per diminuire la corruzione e rendere più sicure le transazioni monetarie. Mentre molti paesi, Cina e Russia in testa, hanno già avanzati progetti di valute digitali di Stato. 

Un'altra importante banca negli Stati Uniti, Citigroup, ha avviato una serie di prove per vedere con quanta efficienza la tecnologia rintraccia i credit default swap. I risultati sembra siano stati straordinariamente positivi. Le banche americane non sono le uniche ad aver previsto che la blockchain e le criptovalute siano il futuro. La Bank of England è stata uno degli attori più importanti nel considerare il potere che la tecnologia della blockchain potrebbe offrire. Nel 2016 hanno lanciato un acceleratore blockchain e per qualche tempo hanno persino preso in considerazione il lancio della propria moneta.

L'anno scorso la banca HSBC con sede a Hong Kong e nel Regno Unito e la tedesca Deutsche Bank hanno stretto un accordo importante con il gigante della tecnologia IBM. L'obiettivo dell'accordo è aiutare le banche a fare meno affidamento sulla carta e utilizzare la blockchain per proteggere le loro transazioni commerciali internazionali. La Svizzera, che è diventata rapidamente un paradiso per le società di tecnologia finanziaria e il posto migliore per lanciare un ICO, ha molte banche importanti che investono in criptovalute e blockchain complessivamente. Una delle banche più importanti della Svizzera in tutto il mondo, UBS ha promosso fortemente la blockchain per diversi anni. UBS è stata una componente chiave nell'introduzione di Blockchain e criptovalute ad altre grandi banche e conglomerati stranieri.Infine, l'enorme gigante bancario spagnolo BBVA, ha fatto un investimento premuroso nella piattaforma di trading di criptovaluta Coinbase mentre pianifica la sua prossima mossa che prevede l'uso della blockchain.

Tutto questo rafforza la crescita esponenziale del Bitcoin, che secondo molti osservatori potrebbe presto sfondare il tetto dei 100.000 dollari ed andare oltre. Insomma le prospettive sono sicuramente ed allettanti, ma trattandosi comunque di un asset ancora molto speculativo, la prudenza deve comunque il driver nella strategia di qualsiasi piccolo investitore in criptovalute, perchè il rischio di rimanere comunque scottato e registrare grandi perdite sono sempre altissimi. 

Commenti
    Tags:
    bitcoin interesse banche blockchain
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    “Elisabetta rifatti una vita…” Filippo, il web sdrammatizza

    Cronache

    “Elisabetta rifatti una vita…”
    Filippo, il web sdrammatizza


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes Nuova CLS: look più sportivo e stile tailor made

    Mercedes Nuova CLS: look più sportivo e stile tailor made

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.