A- A+
Economia
Bonomi rimanda il governo: "Bene sulle bollette, ma troppe tasse"

Bonomi: "Bene il governo sull'energia"

"Positivo che si mettano tutte le risorse sull'energia come avevamo chiesto. Positivo anche l'annuncio che è stato fatto sul gas release e nel voler mantenere la barra dritta sui conti della finanza pubblica". Così il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi a margine dell’assemblea di Federmeccanica in corso a Roma.

"Avremmo voluto e speriamo che ci sia la possibilità di lavorare seriamente sulla riconfigurazione della spesa pubblica. Noi spendiamo ogni anno 1000 miliardi, il 4/5 per cento di riconfigurazione, che sarebbero le risorse necessarie per il taglio al cuneo fiscale", aggiunge.  Con questi numeri "impietosi", il presidente di Confindustria Carlo Bonomi ritiene che "né le imprese né le famiglie ce la possono fare". Nell'intervento a Federmeccanica, Bonomi fa presente che per le imprese "nel 2019 il conto della bolletta  energetica per il sistema industriale era di 8 miliardi, quest'anno è stimato in 110 miliardi".

"E’ particolare - prosegue il presidente di Confindustria - che in questo Paese quando si parla di lavoro si parli di pensioni. Poi se stiamo sul tema e parlo di quelle di vecchiaia abbiamo già 9 deroghe alla gestione. A livello Inps ci sono 30 comitati che gestiscono sistema pensionistico senza parlare delle casse private. Quindi credo che se volgiamo parlare seriamente serve una riforma del sistema e non andare avanti con quote. D’altra parte la legge Fornero ha visto interventi di salvaguardia e credo che per questo con le sue norme non sia andato in pensione nessuno". 

Poi l'attacco al governo: "Il taglio del cuneo fiscale non c'è e abbiamo visto che si vuole fare una spending rewiev che in tre anni possa portare circa 4 miliardi, ma non è questo quello che noi auspichiamo. Noi auspichiamo una revisione seria della spesa pubblica, 4 - 5% su oltre mille miliardi, dovrebbe consentire di avere quelle risorse per fare un taglio serio e strutturale del cuneo fiscale" ha aggiunto Bonomi a margine dell’assemblea di Federmeccanica. E rinnova la proposta che gli imprenditori hanno avuto modo di mettere sul tavolo dello scorso governo. "La nostra proposta è 16 miliardi, sotto i 35 mila euro di reddito, due terzi a favore dei dipendenti, un terzo a favore delle imprese, vuol dire mettere in tasca 1200 euro in più a ogni dipendente".

Sul fatto che si agisca in deficit "il ministro Giorgetti è stato molto chiaro che si proseguirà sulla strada di mantenere attenzioni ai conti pubblici, quindi su quella strada è sostenibile", ha chiarito ancora Bonomi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bonomi





in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


motori
Nuovo PEUGEOT E-3008 conquista il Red Dot Design Award 2024

Nuovo PEUGEOT E-3008 conquista il Red Dot Design Award 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.