A- A+
Economia

 

 

Telefonica

Si avvicina il momento della verità per Telecom Italia, il cui Cda, fissato per giovedì 19 settembre, dovrà discutere "molte decisioni" in merito al "ripensamento strategico" come confermato anche negli ultimi giorni dall'amministratore delegato Marco Patuano. Del resto che settembre sia un mese cruciale per il destino dell'ex monopolista telefonico italiano era evidente da tempo, visto che fino al 28 settembre i soci di Telco (holding che controlla il 22,4% del capitale di Telecom Italia) per disdettare anticipatamente il patto e richiedere la restituzione dei titoli.

In base all'attuale capitalizzazione di mercato, poco sopra gli 11,1 miliardi di euro, agli spagnoli di Telefonica (che di Telco controllano il 46,18%, equivalente ad un 10,3% di Telecom Italia) basterebbe circa 1,33 miliardi di euro, milione più milione meno, per rilevare i titoli dei soci italiani (Intesa Sanpaolo, Generali e Mediobanca) ed anche volendo essere "generosi" e offrire un prezzo superiore di un 15% ai valori di borsa correnti, dunque attorno ai 70 centesimi per azione, il conto non supererebbe gli 1,53 miliardi, mentre rilevare le quote offrendo 1,2 euro per azione (valore a cui Telco ha al momento in carica i titoli Telecom Italia) costerebbe attorno ai 2,5-2,6 miliardi.

 Nel complesso per Cesar Alierta l'occasione sembra essere ghiotta, ma ci sono alcune controindicazioni. La prima riguarda la ratio dell'operazione: sborsare tra 1,5 e 2,5 miliardi per rimanere sostanzialmente nella stessa condizione di adesso potrebbe non essere conveniente per il gruppo spagnolo, gravato da 49,79 miliardi di euro di indebitamento netto a fine giugno (dai 51,26 miliardi di fine 2012), cifra che Allierta si è impegnato a riportare sotto la soglia dei 47 miliardi entro fine anno, obiettivo su cui peserà la recente acquisizione, in Germania, di E-Plus rilevata da Kpn per 8,55 miliardi di euro contro agli 8,1 miliardi inizialmente preventivati in quanto il gruppo spagnolo ha dovuto "convincere" Carlos Slim (socio di Kpn al 30%) a non opporvisi.

Tags:
borsatelefonicatelco
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Jeep Gladiator: il pick-up da off-road

Jeep Gladiator: il pick-up da off-road


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.