A- A+
Economia

di Andrea Deugeni
twitter11@andreadeugeni

Giornata di forte tensione per le borse europee, mentre Parigi è sotto assalto terroristico. E' quasi un bagno di sangue. Non sono bastati i dati molto confortanti sulla disoccupazione americana, ai minimi dal giugno 2008. Piazza Affari perde il 3,27%, il Cac francese il 2,21% e il Dax di Francoforte il 2,19%. Male anche Madrid e Atene. Gli indici accelerano al ribasso nella seconda parte della seduta mentre dalla capitale transalpina giunge la notizia di un ennesimo blitz terroristico in un supermercato parigino.

Secondo Gianluca Verzelli, vicedirettore di Banca Akros, contattato da Affaritaliani.it, però il terrorismo centra molto poco. "Faccio difficoltà a vedere un legame fra l'andamento fortemente negativo degli indici europei con ciò che sta succedendo nel cuore della Francia", dice l'esperto che aggiunge: "Pesa piuttosto il nervosismo legato alle incertezze sul quantitative easing della Bce, alle richieste dell'Eurotower alle banche italiane e alle elezioni greche dietro l'angolo", il cui esito potrebbe portare delle conseguenze sull'intera architettura dell'Unione Europea.

A condizionare l'intera seduta degli indici di borsa caratterizzati da un trend rialzista di inizio anno, sono stati soprattutto due fattori. Il primo. Con le incognite create dal voto in Grecia a fine mese, si sta allargando il fronte dei consiglieri della Bce contrari a un'accelerazione verso l'acquisto dei titoli di Stato. Ardo Hansson, governatore estone, infatti, ha spiegato che "personalmente troverei problematico annunciare un programma di acquisto bond inclusi quelli greci a gennaio". Parole che gettano incertezza sul programma di QE dell'Eurotower molto atteso dai mercati (galvanizzati ieri dalle dichiarazioni in proposito del presidente Mario Draghi).

Il secondo fattore è legato alle banche. Se a Madrid il nervosismo è stato innescato dal maxi aumento di capitale varato a sorpresa dal Santander (ricapitalizzazione che, avvenuta al prezzo minimo fissato come target, è stata interpretata come un segnale di debolezza della maggiore banca dell'Eurozona, il cui titolo è scivolato del 14,79%), in Italia hanno tenuto banco le indiscrezioni relative a una lettera che la Bce avrebbe inviato agli istituti tricolori che sono statisottoposte alla vigilanza europea. Voci confermate dal Montepaschi. Secondo la missiva, Francoforte avrebbe deciso di attribuire a ogni singola banca un suo coefficiente patrimoniale minimo da rispettare, che sarebbe molto più alto di quello previsto dagli accordi di Basilea3. Stando a questi nuovi parametri, per Mps  il nuovo floor salirebbe al 14%. In realtà va oltre, raggiunge il 14,3%.

Tags:
borsepiazza affariverzelli
i più visti
in evidenza
"Io e Massara senza contratto Poco rispettoso da Elliott..."

Milan, Maldini attacca

"Io e Massara senza contratto
Poco rispettoso da Elliott..."


casa, immobiliare
motori
Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze

Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.