A- A+
Economia
Renzi, inutile parlare. Roma provincia di Bruxelles

Di Massimo Puricelli

Ecco finalmente la conferma che il "nuovo" governo Renzi non è altro che la prosecuzione dei governi Monti e Letta. O meglio non è altro che un esecutivo che di "esecutivo" non ha un gran che. No, perchè il potere esecutivo previsto dalla nostra Costituzione all'articolo 95 che esplicita le funzioni del Governo ("il presidente del consiglio dei ministri dirige la politica generale del governo...."), fin dall'estate del 2011, periodo in cui era in carica l'ultimo governo Berlusconi, tale potere è stato completamente assorbito dalle Istituzioni europee con tanto di "ingiunzione scritta" firmata dall'allora presidente della BCE (la Banca centrale Europea) Trichet e dal suo successore Mario Draghi in cui si imponevano una serie di azioni da intraprendere per impegnarsi nella sostenibilità del bilancio e nelle riforme strutturali necessarie.

In parole più chiare: nella missiva si chiedevano privatizzazioni dei servizi pubblici, ma in realtà altro non sono che la svendita delle ambite industrie a partecipazione statale ad aziende del nord Europa che così potranno completare la loro opera di colonizzazione. Secondo punto richiesto, libera contrattazione aziendale, nei fatti, schiavitù dei lavoratori italiani che diventeranno manodopera a basso prezzo e ricattabile oltre che sul salario anche a livello di condizioni lavorative.

Ma queste direttive erano solo l'inizio di ciò che accadde poi, dalla riforma Fornero sulle pensioni fino alla smisurata tentazione da parte dei potentati finanziari europei di tassare le rendite finanziarie detenute dai cittadini italiani visti con mal celata invidia perchè considerati "più benestanti" , rispetto gli altri cittadini europei soprattutto rispetto ai tedeschi secondo quanto riportato da uno studio della BCE. Cittadini Italiani siete ricchi più dei tedeschi e quindi cercate di fare un po' di beneficenza nei loro confronti visto che fanno la fame e vivono in condizioni miserabili, almeno così è quello che traspare da questi ineccepibili, perfetti, meravigliosi studi socio-economici (!?).

E allora ecco che il nuovo (?) governo Renzi, senza nemmeno aver incassato lo scontato voto di fiducia dei due rami del Parlamento inizia a emettere dichiarazioni riguardo le intenzioni di tassare i Bot detenuti dai cittadini italiani almeno per quelli che hanno la "ricchezza" di detenere titoli di Stato superiori i 100 mila euro perchè tanto, secondo il vice primo ministro Delrio, "se una signora anziana ha messo da parte 100mila euro in Bot non credo che se gli togli 25 o 30 euro ne avrà problemi di salute. Vediamo...".

Se lo dice lui che è un medico allora possiamo stare tranquilli anche se a livello nervoso qualche problema lo potrebbe creare. Soprattutto lo crea perchè, come i loro predecessori, i nuovi ministri e il nuovo Presidente del Consiglio non hanno il coraggio di affermare che non hanno più alcun potere e che sono solo dei meri esecutori di quanto decidono i loro omologhi a livello europeo.

Sì, perchè le Istituzioni europee non sono organismi composti dai vari Stati membri ciascuno con stessi poteri, ma organi che sono al servizio degli nazioni più importanti, delle nazioni che hanno maggior peso politico ed economico che hanno trasformato L'unione Europea in una confederazione coloniale in cui alcuni Stati membri, quelli meno potenti e ricchi, sono stati trasformati in colonie  da sfruttare e dirigere a loro piacimento.
Aspettiamoci , pertanto, tutto quanto fu scritto in quella famosa lettera del 2011 oltre a quello tutto ciò che in quella lettera non era scritto ma che è nelle menti e quindi nei piani delle Istituzioni "coloniali" Europee.
Che strano, chissà perchè i nostri ministri dell'economia sono scelti tra coloro che hanno ricoperto vari ruoli nelle organizzazioni internazionali economiche o che non sono invisi alla BCE o alle grandi banche europee.
Scelti sempre tra coloro che hanno lodato la "carneficina" fatta dal governo Monti come la riforma Fornero sulle pensioni lodata espressamente dall'allora membro dell'esecutivo Ocse (guarda un po' che caso!) Pier Carlo Padoan attuale nuovo ministro di via XX Settembre.

Cari esodati fatevene una ragione, siete voi che non siete stati in grado di capire cosa fosse necessario a livello economico europeo e mondiale, e se non riuscite a sbarcare il lunario è perchè siete anacronistici e retrogradi, perchè siete ancora ancorati alle vecchie concezioni di reddito basato su salari o pensioni.
E voi cari connazionali, che avete fatto sacrifici per anni e avete risparmiato 4 soldi investendoli in titoli di Stato, dando fiducia al nostro derelitto Paese, cercate di essere ancora più comprensivi e fiduciosi, e se vi tassano le vostre cospicue rendite da nababbi fatevene una ragione e cercate di omologarvi al volere continentale  e mondiale e sottostare a ciò che decidono perchè non siamo in grado di capire che lo fanno per il nostro futuro e per il futuro dei nostri figli e nipoti. Ma mi domando i nostri eredi avranno un futuro?

Tags:
botrenzi
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Peugeot presenta la 208 nell’allestimento Like

Peugeot presenta la 208 nell’allestimento Like

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.