A- A+
Economia
Bruno Magli al capolinea: chiesto il concordato preventivo

Crisi senza fine per Bruno Magli. Dopo aver cambiato proprietà tre volte negli ultimi 15 anni, il marchio bolognese di calzature, rilevato a gennaio dalla società di investimenti svizzera Da Vinci invest, ha deciso di chiedere l'accesso al concordato preventivo.

L'azienda ha da poco chiuso due importanti punti vendita, quello di via Montenapoleone a Milano e quello di Roma Fiumicino, mandando a casa 9 persone, e sembra che a breve toccherà alla boutique di Venezia, inaugurata nel 2002 nella zona di San Marco.

L’istanza è stata presentata a metà luglio al Tribunale di Bologna ed è stato nominato un commissario giudiziale. Ora ci sono 60 giorni di tempo per presentare un piano ai creditori, mentre il prossimo 25 agosto è stato fissato un incontro con i sindacati.

Tags:
bruno magliconcordato preventivoda vinci invest
i più visti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane


casa, immobiliare
motori
Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»

Citroën firma la serie speciale C3 «Elle»

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.