A- A+
Economia
Carnival paga dazio a Marsiglia. Navi da crociera nel mirino?

Sì, anche la cantieristica civile deve muoversi con cautela sui mari. Le navi da crociera sono finite nel mirino della giustizia francese per l'inquinamento dell'aria e non è certo una prassi, anzi. Il capitano americano della nave Azura, alimentata con carburante fuori norma (il contenuto di zolfo supera il limite autorizzato dal Codice dell'ambiente), è stato infatti condannato a pagare una multa di 100 mila euro dal tribunale di Marsiglia per inquinamento dell'aria. È la prima volta in Francia. Una parte della somma, 80 mila euro, sarà saldata dal suo datore di lavoro, la società Carnival, numero uno mondiale del settore crociere.

L'inquinamento delle navi, dunque, non si limita ai rifiuti gettati in mare. La mega nave da crociera da oltre 3.100 passeggeri e 1.250 membri dell'equipaggio, in navigazione nel Mediterraneo fra Spagna e Francia, è stata pizzicata durante un controllo nel porto di Marsiglia dove aveva attraccato per fare rifornimento. Il carburante, scrive Italia Oggi, conteneva 1,68% di zolfo quando il tasso stabilito per legge può arrivare al massimo all'1,5%. Lo scarto può sembrare minimo, ma ha la sua importanza. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    carnivalnaviinquinamento
    i più visti
    in evidenza
    Affari continua a salire Ad agosto crescita del 40%

    Dati audiweb

    Affari continua a salire
    Ad agosto crescita del 40%


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie

    Nuova Ford Focus: un accurato restyling aggiorna look e tecnologie

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.