A- A+
Economia
squinzi camusso 500

twitter @andreadeugeni

Di ritorno dagli Stati Uniti, il premier Enrico Letta trova acque agitate in Italia sia all'interno del governo dove il viceministro dell'Economia Stefano Fassina sta per dare le dimissioni e Mario Monti è uscito da Scelta Civica e, quindi, dalla maggioranza, sia fra le parti sociali, scontente della legge di Stabilità. Manovra che, fino ad ora, ha incassato pochi commenti positivi.

Dalla Confindustria, il presidente dei Giovani Industriali Jacopo Morelli è stato più duro di Giorgio Squinzi parlando di "governo Letta sordo alle esigenze del Paese".

"Se il governo annuncia
come un trionfo quello di essere riuscito a sventare l'aumento delle tasse - ha osservato infatti il numero uno dei babies di Viale dell'Astronomia aprendo il tradizionale convegno di Capri - significa che è sordo alla voce del Paese reale". "Ci aspettavamo una legge di Stabilità coraggiosa e di rottura che segnasse la fine del rigore depressivo e l'avvio di investimenti per la crescita. Non è stato cosi'". Le tasse, ha puntualizzato, "dovevano calare non di uno 0,7% in tre anni ma di diversi punti e strutturalmente. Siamo stanchi di finanziarie del 'vorrei ma non posso'. Di buone intenzioni non è lastricata la via della ripresa".

jacopo morelli

Morelli, poi, ha calcato la mano, spiegando che "all'estero l'Italia è vista da alcuni come un morto che cammina, con un debito record al 132% del Pil, in cinque anni 90 mila imprese manifatturiere in meno, larga parte della classe politica che agisce con atteggiamenti schizoidi: un giorno sembra di saggezza, l'altro di ordinaria follia".

Dopo aver bocciato la manovra, con le segreterie unitarie di Cgil, Cisl e Uil che lunedì decideranno se indire anche uno sciopero generale, i sindacati tornano all'attacco. In particolare del leader di Corso d'Italia, Susanna Camusso ha criticato duramente il governo, definendolo "un governicchio, che non sceglie. "Ha messo la stabilità prima delle scelte del fare". Poi la presa di distanza dal Pd: "Non sono d'accordo con Epifani", ha spiegato commentando il giudizio sul provvedimento espresso dal segretario del Pd. Alla domanda se riconoscesse nell'Epifani segretario del Pd, l'ex segretario della Cigl, Camusso ha risposto: "Epifani fa cose molto diverse da prima, ma non è cambiato molto. Il lavoro ora non è più centrale come era nel periodo precedente". 

 

camusso letta

Intanto da Cernobbio, dov'è in corso il Forum Internazionale dell'Agricoltura, la Coldiretti ha presentato i risultati di un sondaggio che potrebbe creare scompiglio all'interno della maggioranza di governo. Per quasi un italiano su tre (31%), dice l'indagine su "La percezione della crisi e il Made in Italy" realizzata da Coldiretti-Ixe a ottobre 2013, l'intervento della troika (Fondo Monetario, Commissione Europea, Bce) sui conti italiani sarebbe una salvezza, una percentuale nettamente superiore al 25% che la ritiene invece una sciagura. Percentuali che potrebbero dar forza a quanti all'interno della maggioranza vogliono staccare la spina all'attuale esecutivo.

Sempre secondo il sondaggio, la tanto spesso disprezzata Angela Merkel sarebbe vista con favore come premier in Italia dal 68%. Un dato che è confermato dal livello di fiducia riposto nei protagonisti nazionali della politica, dell'economia e del sociale. All'ultimo posto si posizionano infatti i partiti nei quali appena il 4 per cento ripone fiducia, superati di poco dalle banche che raggiungono il 9% mentre svetta nella speciale classifica il Papa che è la vera superstar del momento con il 74% e le forze dell'ordine che raggiungono ben il 70%, seguite dalla magistratura (55%) e, conclude la Coldiretti, dal Presidente della Repubblica al 52%.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cgilmorellilettalegge stabilità
i più visti
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività


casa, immobiliare
motori
Kia svela la nuova generazione della Niro

Kia svela la nuova generazione della Niro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.