A- A+
Economia
Chip, un business che taglierà fuori l'Italia. Ecco quando finirà la crisi

E, proprio sul tema Taiwan, da tempo circolano voci sulla volontà degli Stati Uniti di “sfruttare” questa enorme potenza produttiva della piccola nazione insulare. Sembra infatti che Biden sia propenso ad “allentare” gli aiuti per il conflitto in Ucraina proprio per “spostarli” verso Taiwan, sempre più vittima delle minacce cinesi. 

“Escludo completamente questa teoria. Credo che Biden sia un profondo conoscitore della situazione internazionale e sa di non poter ‘oltrepassare’ il punto di non ritorno che, molto probabilmente, innescherebbe definitivamente a una nuova guerra”.

Ma tornando sul tema della competitività produttiva, neanche a dirlo, per l’Italia (terzultima nell’Unione Europea per competenze digitali) sarà praticamente impossibile diventare un player importante del settore. “L’unico modo per diventare ‘qualcuno’ in questo senso sarebbe agire come Europa con una politica ad hoc sulla fabbricazione di microchip, non come singolo Stato”, spiega Noci. “Corriamo il forte rischio di essere tagliati fuori”.

Ma in conclusione, quando finirà questa penuria globale? “Non esiste una certezza, ma possiamo pensare che, entro due o tre anni, la crisi si dovrebbe alleggerire significativamente”, dichiara speranzoso Noci.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cinacrisimicrochipsemiconduttoritaiwan





in evidenza
Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."

La confessione intima

Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."


motori
Toyota e WEmbrace Games: uniti per l'inclusione nello sport

Toyota e WEmbrace Games: uniti per l'inclusione nello sport

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.